Auto elettriche: la ricarica rientra nel “welfare aziendale”?

-
09/12/2022

Offrire gratuitamente un servizio di ricarica per le auto elettriche ai propri dipendenti rientra nel regime di esclusione dal reddito di lavoro dipendente? Questa è la domanda che un’azienda ha posto all’Agenzia delle Entrate. Vediamo insieme qual è stata la risposta dell’ente finanziario.Auto, Elettric

La ricarica delle auto elettriche offerta gratuitamente dall’azienda ai propri dipendenti può essere considerata welfare aziendale o diversamente deve essere assoggettata a tassazione quale reddito di lavoro dipendente? Questa è la domanda posta da un’azienda all’Agenzia delle Entrate, la quale ha fornito alcuni chiarimenti in merito al caso specifico di welfare aziendale.

Vediamo insieme cosa ha dichiarato l’Agenzia delle Entrate in merito.

Il quesito dell’istante

Auto, Elettriche

L’istante è una holding che vorrebbe riconoscere ai propri dipendenti sei mesi di ricarica gratuita qualora acquistassero auto elettriche entro un determinato periodo di tempo. La ricarica sarebbe fornita utilizzando l’energia elettrica prodotta dai propri impianti fotovoltaici, idroelettrici e stipulando convenzioni con soggetti fornitori delle ricariche.

A tal proposito, l’istante chiedeva all’Agenzia delle Entrate alcuni chiarimenti in merito al corretto trattamento tributario da applicare al servizio offerto ai propri dipendenti.

La risposta dell’Agenzia delle Entrate

Auto, Elettrica


Leggi anche: Ricarica auto elettrica gratuita: per l’azienda rappresenta “welfare aziendale”?

Secondo quanto previsto dall’art. 51, comma 2 del Testo unico delle imposte sui redditi (TUIR), a non concorre alla formazione del reddito di lavoro dipendente sono:

«l’utilizzazione delle opere e dei servizi riconosciuti dal datore di lavoro volontariamente o in conformità a disposizioni di contratto o di accordo o di regolamento aziendale offerti alla generalità dei dipendenti o a categorie di dipendenti» per finalità di educazione, istruzione, ricreazione, assistenza sociale e sanitaria o culto.

Dunque, in merito alla fattispecie prospettata dall’istante, è possibile individuare una finalità di “educazione ambientale perseguita dall’azienda”, e pertanto la ricarica delle auto elettriche offerta dall’azienda può beneficiare del regime di esclusione dal reddito di lavoro dipendente in quanto rappresenta “welfare aziendale”. In conclusione, tale beneficio non può essere assoggettato a tassazione ordinaria quale reddito di lavoro dipendente.