Auto elettriche: la startup delle colonnine Fastway

-
04/11/2022

Il Fondo Infrastrutture per la crescita, istituito e gestito da Azimut Libera Impresa, ha investito 50 milioni per la co-fondazione della nuova entità destinata alla costruzione, installazione e gestione di stazioni di ricarica veloce per vetture elettriche e ibride sul territorio nazionale. Andiamo a scoprire il progetto.

Auto, Elettriche
Autore: Joenomias / Pixabay

Prosegue il fermento in Italia nel comparto delle colonnine per la ricarica delle auto elettriche.

Il progetto per la crescita delle infrastrutture

Auto, Elettrica
Autore: andreas160578 / Pixabay

Il Fondo Infrastrutture per la crescita, ESG (IPC), istituito e gestito da Azimut Libera Impresa Sgr, ha sottoscritto un accordo di investimento di 50 milioni che ha dato vita alla startup Fastway.

In particolare, il fondo gestito da Azimut Libera Impresa ha sottoscritto un accordo con gli ingegneri Paolo Esposto e Carlo Mereu, manager con esperienze pluriennali nel settore dell’energia e della mobilità elettrica, funzionale alla co-fondazione della startup che sarà destinata alla costruzione, installazione e gestione di stazioni di ricarica veloce per vetture elettriche e ibride sul territorio nazionale.

Sicuramente un’iniziativa che potrebbe migliorare l’efficienza e la disponibilità delle colonnine di ricarica per le strade nazionali.

Il team di Green Horse Legal Advisory, spin-off del team energy di Orrick, guidato da Carlo Montella, ha assistito Fondo Infrastrutture per la crescita. I soci promotori Esposto e Mereu sono stati assistiti dallo Studio Legale Bird & Bird, mentre il notaio Giovanni Giuliani di Roma ha curato la stipula degli atti notarili relativi alla costituzione della S.p.A. di scopo “Fastway” nonché gli adempimenti preliminari e successivi allo stesso.