Bonus bollette: come funziona e chi ne può usufruire?

-
24/08/2022

Tra le misure in sostengo dei lavoratori dipendenti alle prese con il caro energia esiste anche il Bonus Bolletta. Andiamo a scoprire come funziona e come se ne potrebbe usufruire.

Bollette

Nel pacchetto di “misure urgenti in materia di energia, emergenza idrica, politiche sociali e industriali” disposto lo scorso 4 agosto dal nostro Governo all’interno del Decreto Aiuti Bis si è disposto anche un Bonus Bollette per aiutare i lavoratori dipendenti a contrastare il caro energia.

Bonus bollette: come funziona

Soldi

L’incentivo, che va ad aggiungersi all’incentivo una tantum di 200 euro, potrà essere erogato dalle aziende come aiuto per il pagamento delle bollette di acqua, gas ed energia elettrica.

Il bonus potrà essere erogato solo dalle aziende private per i propri dipendenti. Esclusi quindi dal beneficio i lavoratori delle pubbliche amministrazioni che percepiscono uno stipendio fisso. Chi riceve il contributo non paga alcuna imposta perché non è considerato reddito imponibile; allo stesso modo, l’azienda lo deduce completamente dal proprio reddito.

Bonus bollette: come si ottiene?

Bonus

Non è necessario fare domanda per ottenere il contributo poiché non spetta al dipendente decidere di approfittare della misura governativa, bensì al datore di lavoro, il quale può scegliere anche a quali dipendenti destinarlo. In pratica, in una stessa azienda possono esserci dipendenti che riceveranno il contributo e altri che non beneficeranno della misura.

Un altro punto oscuro riguarda l’erogazione del contributo da parte dell’azienda e il suo utilizzo da parte dei dipendenti. Anche se non è ancora chiaro come dovranno essere erogati questi contributi da parte dell’azienda, si sa che questi bonus rientrano tra gli altri beni ceduti o tra i servizi prestati come welfare aziendale ai dipendenti.

Il bonus bolletta resterà in vigore almeno per tutto il 2022 e, in caso di contributi già erogati nei mesi passati, sia il dipendente che l’azienda possono fare ricorso al beneficio e recuperare le imposte indebitamente versate.