Canale di Suez riaperto: traffico sbloccato

-
30/03/2021

Il Canale di Suez, una delle via d’acqua più importanti al mondo, è rimasto bloccato per giorni a causa del porta container Evergreen. Fortunatamente la situazione sembra in via di risoluzione: la porta container è stata rimessa in galleggiamento ed è stata proclamata la ripresa del traffico nel canale.

cattura_2305373_20210325203053


Il blocco del Canale di Suez a causa della porta container Evergreen ha notevoli ripercussioni sul commercio di tutto il mondo, oltre che sull’ambiente. Si pensi che nel 2020 il commercio tra Italia e Oriente attraverso Suez è stato pari a 82.8 miliardi di euro, il 40.1% del commercio marittimo complessivo del nostro paese. Ogni giorno di blocco, quindi, ha causato perdite economiche molto ingenti.

Canale di Suez bloccato: danni economia e ambiente

La porta container Evergreen, lunga 400 metri e larga 60 metri, si è incagliata in una delle due sponde del canale commerciale lo scorso 23 marzo. Sono state più di 200 le navi bloccate in attesa che si liberasse il passaggio. Queste navi erano cariche di petrolio, componenti per automobili, viveri come olio, vino e cereali.


Leggi anche: Il Canale di Suez e la Migrazione Lessepsiana

Tra le aziende più colpite ci sono Ducati, Heineken, e il made in Italy in generale: solo di vino ci sono scorte con un valore di 100 milioni di euro. Questo prodotto è tra le principali voci dell’export agroalimentare made in Italy in Cina. Il record storico di questo mercato è stato raggiunto nel 2020 con 548 milioni di euro.

Pericoli per l’ambiente

20210324090950138_2305386_20210325203059

Fortunatamente le operazioni delle autorità sono riuscite ad avere la meglio e la porta container ha ripreso a galleggiare. L’armatore giapponese proprietario della nave ha dichiarato che hanno incontrato estreme difficoltà a disincagliarla. Da sottolineare il fatto che parliamo di tonnellate e tonnellate di lamiere cariche di carburanti e prodotti infiammabili che hanno stazionato in acqua per settimane. I danni ambientali derivanti da un qualche incidente sarebbero potuti essere inimmaginabili.

Ora però la situazione è in miglioramento ed è già stata dichiarata la ripresa del traffico nel canale. La situazione è ormai sbloccata.