Cavolo nero: proprietà e benefici

-
15/01/2021

Il cavolo nero è una verdura molto apprezzata, tipica della stagione invernale. Protagonista indiscusso di molti piatti tipici italiani, questo ortaggio è noto per le sue proprietà depurative e antiossidanti.  

lacinato-kale-4452702-1920


Gli orti invernali, così come i banconi dei fruttivendoli, sono dominati dalla presenza dei cavoli. L’inverno è infatti la stagione in cui dominano le crucifere, o brassicaceae, famiglia botanica che comprende anche le varie tipologie di cavolo. Rispetto a cavolfiori e broccoli, il cavolo nero ha sempre mantenuto una sua eleganza caratteristica: domina incontrastato nei piatti tradizionali toscani (si pensi alla ribollita), e presenta tante proprietà benefiche.

Cavolo nero: profilo nutrizionale e ricette

vegetables-1372766-1920

Il cavolo nero, ortaggio caratterizzato dalle foglie verdi intenso bitorzolute e bollose, è un vegetale ricchissimo di sostanze antiossidanti. Queste sostanze “spengono” i processi infiammatori che possono svilupparsi all’interno dell’organismo, e sono una mano santa soprattutto durante l’inverno. Inoltre, migliora i processi digestivi e ha delle proprietà antitumorali.


Leggi anche: Cavolo: un ortaggio dalle molte varietà, sempre ricco di benefici

Questo ortaggio ha un alto contenuto di acqua (90g di acqua ogni 100g di prodotto edibile), contiene anche tanti sali minerali, in particolare potassio (ma anche calcio, fosforo e sodio) e vitamine, soprattutto vitamina C, A e K. La vitamina C è fondamentale per il mantenimento del sistema immunitario, favorisce l’assimilazione del ferro ed è importante anche per la salute del sistema nervoso. La vitamina A protegge la vista, mentre la vitamina K è fondamentale per la corretta circolazione del sangue.

Il consumo di questo vegetale consente di tenere sotto controllo la pressione, la salute dei muscoli e in generale il benessere del sistema cardio-circolatorio. I flavonoidi contenuti nel cavolo nero aiutano anche a rafforzare la memoria. Presenta anche un ottimo contenuto di fibre (circa 3g ogni 100g).

Come cucinare e mangiare il cavolo nero

Il modo più semplice di consumare il cavolo nero è aggiungerne alcune foglie alle vostre zuppe o minestre, o saltarlo in padella con una becca di aglio. Si consiglia, come per tutti gli ortaggi, la cottura al vapore al posto della bollitura per evitare di perdere i principi nutritivi. Può essere cucinato anche al forno, magari all’interno di un tortino salato di patate.

Un modo semplice e sfizioso per mangiare il cavolo nero sono le chips di cavolo: basta mettere in forno le foglie di cavolo nero precedentemente lavate ed asciugate, condite con olio, sale e pepe, a 180°C per 5-10 minuti. Devono essere croccanti ma non bruciate!


Potrebbe interessarti: Cavolo nero: un ortaggio invernale ricco di proprietà antiossidanti

Il cavolo nero può essere consumato anche crudo, tagliato sottile in insalata o centrifugato insieme ad altri ortaggi in base alle preferenze.