Codiaeum Variegatum: caratteristiche e coltivazione

-
08/03/2021

Il Codiaeum Variegatum, più comunemente noto come croton, è una pianta da appartamento originaria della Malesia e dell’India. Le sue bellissime foglie, molto colorate e decorative, la rendono una delle piante ornamentali per eccellenza. Vediamo insieme le caratteristiche di questa pianta e come coltivarla in casa.

foliage-5009109_1920


Il croton (Codiaerum Variegatum) è una pianta arbustiva appartenente alla famiglia delle Euphobiaceae. Questa quanta è originaria di Malesia e isole del Pacifico. Presenta foglie coriacee, molto resistenti e lucide, che assumono colorazioni molto particolari. I colori screziati variano dal verde al giallo, rosa, rosso, viola, arancio e presentano macchie più o meno regolari in termini di forma e dimensioni.

Come coltivare il croton

Il croton vive bene con temperature invernali di 15-16°C, pertanto si consiglia di tenerla al caldo in casa o in serra. E’ importante evitare gli sbalzi termici e le correnti d’aria che potrebbero causare la caduta delle foglie più basse. Sempre per evitare questo problema, è necessario che abbia a disposizione molta luce.


Leggi anche: Fichi d India: un concentrato di proprietà e pochissime calorie!

L’esposizione solare deve essere diretta; in questo modo si favorisce lo sviluppo armonioso dei diversi colori delle foglie. Nel caso in cui le foglie si bagnino, sarebbe opportuno togliere la pianta dal sole diretto per evitare ustioni.

Irrigazione e concimazione

croton-4618528_1920

Il terriccio del croton va tenuto sempre umido, evitando però la formazione di ristagni idrici. Si consiglia di spruzzare spesso le foglie utilizzando per le annaffiature sempre acqua a temperatura ambiente. Per quanto riguarda la concimazione, si consiglia di somministrare concime liquido ogni 15 giorni durante il periodo primaverile-estivo. E’ importante che il concime venga somministrato quando il terreno è umido, altrimenti l’assorbimento sarebbe istantaneo e la pianta verrebbe danneggiata in modo irreparabile.

Rinvasatura e moltiplicazione

Il croton va rinvasato ogni anno a primavera inoltrata. Questa operazione deve essere effettuata fino al raggiungimento di un vaso di 25 cm di diametro. In seguito sarà sufficiente aggiungere ogni anno del nuovo terriccio nella parte superiore.

Per moltiplicare il croton si usano talee ricavate dalla parte superiore del fusto, che devono essere poste in un terriccio composto da sabbia e torba in parti uguali, tenute in ambiente umido a 21-22°C.