Comunità energetiche rinnovabili: l’annuncio del ministro Picchetto sugli incentivi

-
17/11/2022

Il ministro dell’Ambiente e della Sicurezza energetica, Gilberto Pichetto Fratin, ha rassicurato Legambiente e le associazioni circa il provvedimento con gli incentivi sulle comunità energetiche rinnovabili, annunciandone l’arrivo nei prossimi mesi.

Energia, Solare

Il ministro dell’Ambiente e della Sicurezza energetica, Gilberto Pichetto Fratin, ha annunciato che il decreto con gli incentivi per le comunità energetiche rinnovabili (Cer) è pronto e prossimamente ci sarà avviata la consultazione pubblica.

La dichiarazione del ministro arriva dopo le proteste di Legambiente insieme ad altre associazioni davanti al ministero per sollecitare lo sblocco normativo e burocratico in merito alle Cer.

Comunità energetiche rinnovabili: verso il decreto

Energia, Solare

Prendo atto delle sollecitazioni di Legambiente sulla necessità di un rapido avvio del nuovo decreto per incentivare le comunità energetiche rinnovabili. È un tema su cui stiamo lavorando, anche con il dovuto confronto con la Commissione Ue, nell’ambito dell’inquadramento nel regime di aiuti di stato.

Così il ministro dell’Ambiente e della Sicurezza energetica ha risposto al sit-in davanti al Ministero dell’Ambiente organizzato da Legambiente insieme alla Rete delle Comunità Energetiche Solidali, Kyoto Club, Free, Next per dire stop ai ritardi e agli ostacoli che frenano lo sviluppo delle comunità energetiche rinnovabili in Italia.

Il Ministro ha rassicurato che:

Il decreto è pronto, a valle del coordinamento con ARERA, e al mio rientro dalla cop27 di Sharm avrò modo di avviare la consultazione pubblica per condividerne i contenuti con tutti gli attori e gli stakeholder di riferimento e acquisire in modo trasparente le proposte

La denuncia di Legambiente e delle associazioni

Celle, Solari

La denuncia delle associazioni riguarda la situazione delle Cer in Italia, spesso bloccate a causa di ritardi burocratici e assenza di regole attuative, nonostante rappresentino uno strumento efficace ed utile alla crisi energetica e all’emergenza climatica.

A tal proposito, il presidente nazionale di Legambiente ha dichiarato

Il nuovo Governo acceleri subito sullo sblocco dei progetti ancora fermi al palo e sulla pubblicazione degli strumenti necessari per dare risposte alle numerose CER ancora in attesa. È inaccettabile la mancanza dei Decreti Attuativi, in particolare quello sugli incentivi da parte del Ministero, il ritardo di ARERA sull’emanazione delle regole attuative di sua competenza, le difficoltà nel ricevere dai distributori locali le informazioni necessarie a identificare l’ambito di sviluppo delle CER, i ritardi del GSE nell’iter di registrazione presso il proprio portale e nell’elargizione degli incentivi, i preventivi onerosi per gli allacci alla rete. L’Italia non perda questa fondamentale partita, che coinvolge periferie, piccoli comuni, aree del centro Italia ferite dal sisma, il terzo settore e che ha mosso finanziamenti importanti.