Cosa fare in caso di Terremoto: le istruzioni della Protezione Civile

-
20/05/2017

Cosa fare in caso di Terremoto: le istruzioni della Protezione Civile

L’Italia è una penisola esposta al rischio sismico e gli eventi che si sono susseguiti negli ultimi anni ne sono la dimostrazione evidente. Le scosse di terremoto possono essere anche molto forti, e provocare il crollo di edifici interi, ma bisogna sottolineare che tutto dipende da come sono stati costruiti tali edifici. Al giorno d’oggi, la prevenzione è fondamentale per evitare disastri e le abitazioni antisismiche hanno una probabilità di crollare decisamente ridotta rispetto a quelle datate e non di recente costruzione. In molti si chiedono cosa fare in caso di terremoto e sapere quali sono le misure da prendere in questi casi è importantissimo, anche se, come ribadisce la protezione civile, la prevenzione non è meno fondamentale. 


Cosa fare in caso di terremoto? Le istruzioni della Protezione Civile

In caso di terremoto è importantissimo cercare di mantenere i nervi saldi e comportarsi secondo quanto consigliato dalla Protezione Civile, per evitare di mettere la propria vita in pericolo e minimizzare il rischio di lesioni. Vediamo quindi cosa fare in caso di terremoto in atto, secondo le prescrizioni della Protezione Civile. 

Cosa fare in caso di terremoto se vi trovate all’interno di un edificio

Cosa-fare-in-caso-di-terremotoSe vi trovate all’interno di un edificio, siete maggiormente a rischio: se infatti la scossa è molto forte potrebbe provocare il crollo delle parti strutturali e dovete cercare di mettervi in un luogo sicuro. Se sono presenti vie di fuga nelle immediate vicinanze conviene scappare il più presto possibile all’aperto ma se vi trovate ad un piano rialzato potrebbe essere molto pericoloso.


Leggi anche: La Scala Mercalli e le diverse intensità dei terremoti

  • State attenti alle scale, perchè sono poco resistenti e potrebbero danneggiarsi proprio mentre le percorrete;
  • Non salite sugli ascensori perchè potrebbero bloccarsi e quindi intrappolarvi;
  • Mettetevi in un luogo sicuro: vicino ad un muro portante, sotto ad una trave, nel vano di una porta o sotto ad un tavolo (ma non al centro in questo caso);
  • Guardatevi intorno e identificate le cose che potrebbero cadere (vetri, controsoffitti, mobili, intonaco), quindi cercate di starne lontani.

Cosa fare in caso di terremoto se vi trovate all’esterno

Se vi trovate all’aperto quando avviene il terremoto, siete sicuramente più al sicuro ma dovete prestare comunque molta attenzione:

  • Allontanatevi dagli edifici;
  • Allontanatevi da alberi, lampioni, linee elettriche.

Se vi trovate all’aperto, quindi, cercate di stare lontani da qualsiasi cosa e collocatevi in uno spazio libero da pericoli o da elementi che potrebbero crollare.

L’importanza della prevenzione: cosa fare per limitare i rischi

Come sottolinea la Protezione Civile, l’Italia è una nazione a rischio sismico: per questo è importante prevenire i danni provocati da un eventuale terremoto e mettere in atto alcune accortezze che possono permetterci di vivere in modo più sicuro. Ecco cosa possiamo fare per rendere la nostra abitazione meno pericolosa in caso di terremoto:

  • Fissate i mobili alle pareti in modo che non si ribaltino in caso di terremoto;
  • Per appendere specchi e quadri utilizzate dei ganci chiusi;
  • Allontanate i mobili più pesanti e pericolosi in caso di crollo da letti e divani;
  • Informatevi sulla collocazione di rubinetti del gas, dell’acqua e quadri elettrici, in modo da poter disattivare tutto immediatamente.


Potrebbe interessarti: Tsunami: cos’è, come si forma e da cosa dipende

Ti potrebbe interessare anche…