Diamanti di Gould: meravigliosi e coloratissimi uccellini australiani

-
28/07/2020

I diamanti di Gould sono uccelli davvero spettacolari, considerati pregiati e anche piuttosto difficili da allevare. Originari dell’Australia, devono il loro nome al naturista che per primo li ha scoperti e descritti tra il 1838 ed il 1840: John Gould. Apprezzatissimi per via dei loro colori straordinari, i diamanti di Gould sono particolarmente ricercati dagli appassionati di avicoltura ma è bene imparare a conoscerli prima di allevarli.


Generalmente i diamanti di Gould vengono definiti degli uccellini difficili da mantenere in perfetta salute, perchè piuttosto delicati e soggetti a contrarre diverse malattie. In realtà questo è un luogo comune, perchè di suo il diamante di Gould è un uccello piuttosto resistente. E’ però naturale che bisogna preoccuparsi di alcuni aspetti che potrebbero creargli dei problemi e che dunque va seguito, così come tutte le altre specie di uccelli che si allevano in cattività d’altronde.

Diamante di Gould: aspetto e caratteristiche

Il diamante di Gould (nome scientifico Erythrura gouldiae) è un uccello passeriforme che appartiene alla famiglia degli Estrildidi. Le dimensioni si possono paragonare a quelle delle cocorite: altri uccelli molto apprezzati dagli allevatori. I diamanti di Gould misurano infatti dai 13 ai 15 cm di lunghezza (coda compresa) e sono dunque davvero piccolini. Perfetti per essere tenuti in gabbia? Non proprio, perchè nessun volatile è adatto a crescere in cattività e come abbiamo precisato più di una volta sarebbe sempre meglio lasciare liberi questi uccelli nel loro habitat naturale. Se proprio si vogliono allevare però, le loro dimensioni facilitano certamente le cose.


Leggi anche: Bengalini: i coloratissimi uccellini dal canto allegro

I diamanti di Gould sono davvero meravigliosi, perchè hanno una colorazione delle piume straordinaria. La striscia turchese intorno alla testa ed il petto viola sono tratti distintivi di questi uccellini, che però presentano molti altri colori: blu, giallo, nero. La testa può essere arancione, rossa oppure nera a seconda dell’esemplare. Quello che accomuna tutti i diamanti di Gould è la varietà cromatica e la bellezza della livrea, sempre coloratissima.

Diamanti di Gould: origini, habitat e distribuzione

I diamanti di Gould sono originari dell’Australia settentrionale e prediligono habitat caldi ed umidi, soleggiati. Quello perfetto per loro è la prateria, meglio se attigua a zone d’acqua dolce in cui potersi dissetare con facilità. Oggi questi uccellini vengono comunque allevati in tutto il mondo e anche in Italia si riescono a trovare con una certa facilità.

Come allevare il diamante di Gould

Lo abbiamo già detto: i diamanti di Gould così come tutte le altre specie di uccelli stanno decisamente meglio nel loro habitat naturale piuttosto che in cattività. Se però li si alleva nel modo corretto possono crescere in salute e felici: tutto sta nell’adottare le giuste strategie per evitare di portali a sofferenza.

Solitamente si consiglia di allevare sia il maschio che la femmina, in modo che si possano tenere in compagnia e ci sono alcuni errori di base da evitare. I rischi maggiori per questo volatili sono rappresentati dagli sbalzi repentini di temperatura, dal clima troppo rigido e dalle correnti d’aria. Oltre a questo, bisogna naturalmente preoccuparsi di predisporre una gabbia sufficientemente ampia.


Potrebbe interessarti: Il Pinguino: l’uccello socievole e buffo che rischia l’estinzione