Economia sostenibile: perché vi rientra il noleggio?

-
14/06/2022

Continua il grande dibattito sul tema dell’economia sostenibile e di come questa debba inserirsi nelle principali attività d’impresa di oggi e del domani. Una delle nuove dinamiche dell’economia sostenibile è quella del noleggio di macchinari ed attrezzature: vediamo il perché.

Noleggio

Quanto è difficile ad oggi per le aziende perseguire gli obiettivi dell’economia sostenibile? Non a caso spesso si discute circa il costo della transizione ecologica e di quanto sia difficilmente sostenibile per le famiglie e per le imprese. Esistono però delle prassi che è bene iniziare a prendere in considerazione per il futuro.

Una di queste è quella di utilizzare molto più spesso macchine o macchinari a noleggio: vediamo i vantaggi in termini di sostenibilità della sharing economy.

Noleggio: perché viene considerato sostenibile?

Noleggio

Partiamo dal perché il noleggio, principio fondante della share economy, viene ad oggi considerato come uno dei capisaldi futuri della sostenibilità? In linea di principio, il meccanismo del noleggio consente di utilizzare un qualcosa limitatamente al tempo in cui questo occorre.

Così facendo si può comodamente restituirlo al termine della sua utilità e concederlo a chi si trova nella medesima nostra situazione iniziale. In questo modo si sono dimezzati i prodotti in circolazione e si è migliorata l’allocazione di questi. Proprio per questo motivo il noleggio è al centro di una grande evoluzione digitale.

Noleggio: le nuove varianti digitali

Noleggio

Vediamo quanto è stato forte l’apporto della digitalizzazione nel noleggio. Ad aprire le porte del digitale al noleggio è stato indubbiamente internet. Ad oggi quasi la totalità dei prodotti a noleggio sono disponibili online o in streaming se si parla di contenuti multimediali. Di questi Easynoleggio è divenuto il più diffuso ed utilizzato.

Tra i vantaggi vi è quello di poter effettuare tutte le pratiche e i pagamenti online, direttamente a portata di click, riducendo tempi burocratici, stress e carta inutile. Va poi considerato che tutto questo è largamente in linea con le politiche di sostenibilità, e vi sono ampi margini di miglioramento.