Erba del prato: come si può riciclare una volta tagliata?

-
10/08/2022

Chi possiede un giardino o un prato e se ne prende cura, sa che un’operazione imprescindibile consiste nel tagliare l’erba. Sempre più, negli anni, si sono diffusi metodi e sistemi tecnologici per tagliare l’erba evitando gli sprechi e permettendo di riutilizzarla ad esempio come concime naturale. Andiamo a scoprire i vari modi per riciclare l’erba tagliata.

Erba, Prato

Quando viene tagliata l’erba, di solito si raccoglie e viene accumulata in alcuni angoli del giardino oppure riposta in sacchi appositi e poi smaltita.

Erba del prato: come si ricicla?

Taglia, Erba


Leggi anche: Erba del prato tagliata: si può riciclare?

L’erba può essere appunto utilizzata come concime naturale, però, andrà prima sminuzzata proprio per permettere una più veloce decomposizione.

Un consiglio, infatti per velocizzare e facilitare la decomposizione dell’erba è quello di tagliarla frequentemente.

Si può sminuzzare utilizzando un tagliaerba oppure uno strumento particolare in grado di utilizzare il sistema di mulching, ovvero una tecnica di taglio che si avvale di una lama in grado di sminuzzare l’erba anticipatamente, che viene raccolta direttamente all’interno del tagliaerba.

In questo modo l’erba si decompone velocemente e si distribuisce sul prato già presente.

Erba del prato: altri metodi per riutilizzarla

Taglia, Erba

Un altro metodo veloce per tagliare l’erba è usando la pacciamatura ovvero stendendo uno strato di circa 5 centimetri di erba tagliata intorno agli alberi in modo da proteggere le piante dall’eventuale creazione di erbacce.

Ci sono tantissimi altri vantaggi nell’utilizzare la pacciamatura come: isolare le radici dalle basse temperature evitando che l’acqua evapori troppo velocemente dal terreno; ancora, con le basse temperature, la pacciamatura funge da isolante termico e consente di mantenere il terreno ad una temperatura lievemente superiore rispetto a quella dell’aria.

Inoltre, in caso di pioggia, la pacciamatura protegge il suolo da fenomeni erosivi. Insomma, la pacciamatura prevede che l’erba venga sminuzzata, in quanto più facile da assorbire per il terreno.

Comunque, per compostare l’erba, non basterà buttarla nel mucchio perché potrebbe rallentare la decomposizione e potrebbe risultare maleodorante.