Erba tagliata: come riutilizarla?

-
06/11/2022

Vi siete mai chiesti come si può riutilizzare l’erba tagliata del giardino? Per i comuni che fanno la raccolta differenziata dovrebbe esserci a disposizione degli abitanti anche il secchio per i rifiuti e gli scarti del giardinaggio. Andiamo a scoprire insieme come poter smaltire o riciclare l’erba tagliata.

Erba,
Autore: Alexas_Fotos / Pixabay

Ricordiamo che l’erba tagliata può essere utilizzata per la pacciamatura e per tante altre pratiche sostenibili.

Erba tagliata: come smaltirla

Erba
Autore: Counselling / Pixabay

Si può riporre nei cassonetti adibiti alla raccolta dei rifiuti di giardinaggio, oppure occorre portare l’erba tagliata presso l’isola ecologica del comune ed è necessario fare attenzione che all’interno non ci siano altri rifiuti di plastica o carta perché dovranno esserci solamente scarti vegetali.

Quindi l’erba tagliata non va nell’umido ma o in un apposito cassonetto oppure portata presso l’isola ecologica del proprio comune. Se non si vuole smaltire l’erba ma utilizzarla in altro modo, si può realizzare il compostaggio di questa.

Erba tagliata: come creare il compost

Compostiera
Autore: Antranias / Pixabay

Il compost non è altro che un fertilizzante naturale ottenuto dagli scarti come le foglie, l’erba, i fiori, ma anche gli avanzi di cibo (le bucce di frutta e verdura, i fondi di caffè, gusci d’uovo).

Per ottenere velocemente il compost e quindi un fertilizzante naturale, è meglio non utilizzare subito l’erba tagliata ma lasciarla per qualche giorno a perdere acqua in modo che possa velocizzare il processo di compostaggio.

Per farlo, bisogna utilizzare un cassonetto preferibilmente di legno, riunire tutti gli scarti di giardinaggio spezzando le parti più grandi (ad esempio gli steli), mischiare i rifiuti del giardino con del letame, per velocizzare il processo, riempire il cassonetto alternando scarti vegetali con scarti animali, annaffiare in modo abbondante soprattutto nei bordi perché deve esserci la giusta umidità per evitare che i rifiuti si essicchino troppo in fretta, coprire infine con un foglio di politene nero, togliere due volte a settimana il telo e smuovere il contenuto all’interno, andando di volta in volta ad aggiungere il materiale di scarto.

il compost sarà pronto quando diventerà friabile e non emetterà più odori sgradevoli.