Etichetta di riparabilità: dagli smartphone agli aspirapolvere

-
24/08/2022

Dagli aspirapolvere (cablati, wireless e robot) alle lavatrici e lavastoviglie: tutto ma proprio tutto in Francia avrà l’indice di riparabilità, che racconta al pubblico quanto sia facile o difficile riparare guasti o sostituire parti degli apparecchi in questione. Andiamo a scoprire di cosa si tratta e per quale motivo sarà una misura utile.

Riparare

Già in vigore, per alcune categorie di prodotti (smartphone, tv, lavatrici ad oblò e tosaerba), presto il cosiddetto “indice di riparabilità” sarà esteso anche ad altri elettrodomestici. Una misura essenziale per contrastare l’obsolescenza programmata.

Indice di riparabilità: cosa è?

Riparare

Entro sei mesi molti elettrodomestici dovranno mostrare il loro indice di riparabilità. Si tratta di un’iniziativa messa in atto dal Governo francese per ridurre gli sprechi e favorire un’economia circolare.

L’obiettivo è proprio sensibilizzare i consumatori e orientarli verso l’acquisto di prodotti che possano essere più facilmente aggiustati e incoraggiandoli quindi, in caso di guasto, a ricorrere maggiormente alla riparazione, piuttosto che a un nuovo acquisto.

Indice di riparabilità: come viene assegnato?

Riparare

Per ogni modello di dispositivo, viene assegnato un punteggio su ciascuno dei 5 seguenti criteri, secondo le griglie definite dal Ministero della Transizione Ecologica:

Disponibilità della documentazione per riparatori e consumatori. Il punteggio di questo criterio è determinato dall’impegno del produttore a rendere disponibili gratuitamente i documenti tecnici per un certo numero di anni.

Smontaggio, accesso e strumenti: punteggio determinato dalla facilità di smontaggio del prodotto, dal tipo di attrezzi richiesti e dalle caratteristiche degli elementi di fissaggio

Disponibilità dei pezzi di ricambio: determinato dall’impegno del produttore a rendere disponibili i pezzi di ricambio per un certo periodo e il tempo di consegna degli stessi.

Prezzo dei pezzi di ricambio: determinato dal rapporto tra il prezzo di vendita dei pezzi di ricambio e il prezzo del prodotto.

Criterio specifico per la categoria di prodotto interessata

Il punteggio finale dell’indice di riparabilità (che può arrivare fino 10) si ottiene facendo la media dei punteggi dei vari criteri.