Fotovoltaico: cosa prevede il modello unico ?

-
29/01/2023

Il Gestore dei Servizi Energetici ha pubblicato i nuovi template per la compilazione dei Modelli Unici utilizzabili a partire da febbraio del prossimo anno. Andiamo a scoprire di cosa si tratta.

Fotovoltaico
Si completano gli strumenti a disposizione di quanti interessati a realizzare impianti fotovoltaici e di microcogenerazione ad alto rendimento o alimenti da fonti rinnovabili.

Il modello unico per il fotovoltaico

File

Il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) ha pubblicato sul proprio sito i nuovi Modelli Unici per il fotovoltaico fino a 200 kW e i microcogeneratori fino a 50 kWe. Un intervento che segue l’evoluzione normativa degli ultimi anni e più precisamente le misure inserite del Decreto Ministeriale del 16 marzo 2017 e in quello del 2 agosto 2022. I documenti GSE riportano i nuovi template per la compilazione della Parte I (da inviare prima dell’inizio dei lavori) e della Parte II (da inviare alla fine dei lavori) del rispettivo Modello Unico.

Il DM del 2 agosto 2022 ha ampliato le razionalizzazioni introdotte negli scorsi anni, individuando le condizioni e le modalità per l’estensione del modello semplificato anche a impianti di 200 kW di potenza. Ossia 150 kW rispetto al precedente limite normativo. L’intervento riguarda tutti i sistemi solari realizzati su edifici o su strutture e manufatti fuori terra (e nelle relative pertinenze), compresi gli immobili vincolati. A patto, però, che i moduli fotovoltaici siano integrati nelle coperture e non visibili dagli spazi pubblici esterni.

Il modello unico per il fotovoltaico permetterà la connessione degli impianti presso clienti finali già dotati di punti di prelievo attivi e che non condividono il punto di connessione esistente con altri impianti di produzione. E al tempo stesso consentirà agli utenti di scegliere le modalità di ritiro dell’energia elettrica: tramite accesso al regime del Ritiro Dedicato, Scambio sul Posto o attraverso la cessione al mercato mediante il conferimento ad un utente del dispacciamento diverso dal GSEE.

Per quanto riguarda, invece, l’accesso ai servizi di Scambio sul Posto o Ritiro Dedicato, attraverso la procedura standard, rimane invariata la modalità prevista dal GSE, ovvero la presentazione della richiesta direttamente dal produttore sui rispettivi portali.

Il modello unico per microcogenerazione

Fotovoltaico
In questo caso la normativa di riferimento è decisamente più vecchia. Il Modello Unico è stato introdotto dal DM del 16 marzo 2017, provvedimento che disciplina la razionalizzazione delle procedure per l’installazione di
impianti di microcogenerazione ad alto rendimento (CAR) e di quelli alimentati da fonti rinnovabili.

Ovviamente anche in questo caso per poter usufruire della modulistica semplificata è necessario rispettare alcune caratteristiche: a cominciare dalla realizzazione dell’impianto presso clienti finali già dotati di punti di prelievo attivi in bassa o media tensione. E della richiesta contestuale dell’accesso al regime di scambio sul posto. I sistemi possono essere alimentati a biomassa, biogas, bioliquidi o a gas metano e Gpl (nel caso dei CAR) e devono avere una capacità di generazione cumulata inferiore a 50 kWe.