Fotovoltaico in centro storico: l’energia solare è una priorità

-
22/10/2022

E’ stata apportata una modifica al regolamento per l’installazione dei pannelli fotovoltaici nei centri storici. Il comune di Rimini accelera per consentire di installare gli impianti nel cuore della città. Andiamo a scoprire quali sono le novità.

Fotovoltaico
Autore: PublicDomainPictures / Pixabay

Il Comune di Rimini ha deciso di accelerare l’iter burocratico per sbloccare una situazione che ad oggi impedisce a chi ha un immobile nel cuore della città di posizionare sul tetto un impianto solare termico oppure fotovoltaico.

Fotovoltaico nei centri storici: la variante al Rue

Centro, Storico
Autore: Tama66 / Pixabay

In altre parole chi abita in centro non può scegliere le rinnovabili e di conseguenza si trova la strada sbarrata se vuole abbassare il costo delle bollette energetiche balzato alle stelle nell’ultimo anno. Così la giunta spinge sull’acceleratore avanzando le proposte di controdeduzione alla variante al Rue, già adottata nel dicembre scorso.

Le osservazioni alla variante predisposte dagli uffici verranno inoltrate alla Provincia, che si esprimerà. Poi la variante al Rue arriverà in consiglio comunale.

Spiegano dal municipio che:

“La più importante novità contenute nelle proposte di controdeduzioni riguarda la possibilità di installare impianti fotovoltaici anche negli edifici sia pubblici sia privati nell’area del centro storico, nella quale sono presenti specifici vincoli a tutela di una delle zone di pregio della città”.

Fotovoltaico nei centri storici: quali sono le modifiche per l’installazione

Installazione
Autore: Peggy_Marco / Pixabay

In centro ci sono edifici storici e alcuni sono vincolati. Per installare i pannelli, solari o fotovoltaici, servirà parere favorevole della Commissione per la qualità architettonica e il paesaggio per gli edifici in classe B, mentre per quelli classificati con la A rimarrà il divieto. La nuova opportunità riguarda sia le palazzine private che quelle pubbliche, il che consentirebbe anche al Comune, laddove possibile, di puntare sulle rinnovabili. Altra modifica è quella relativa al posizionamento dei pannelli nei parcheggi pubblici e sui tetti delle aree produttive, tenendo conto dell’impatto estetico sull’area circostante.