G7 inquinamento in Italia: dal 2035 obbligo macchine elettriche

Il G7 é finito ed è stato emanato il documento finale in cui si stabiliscono gli obiettivi da raggiungere nei vari paesi, tra cui la sostituzione di tutti i veicoli con l’elettrico entro il 2035. Obiettivi ambiziosi anche per il nostro paese.

cc83f90783df4083b91c06861efe61cc.jpeg

Si è concluso ieri sera il G7, il vertice internazionale che si è tenuto in Giappone e nel quale i sette Stati membri si sono confrontati su varie questioni energetiche e ambientali che riguardano il futuro del nostro pianeta. Dopo due giorni di lunghi confronti e importanti discussioni, è stato emanato il documento finale del G7, nel quale sono stilate le linee guida da seguire nei prossimi anni a venire per i paesi membri.

Nel documento finale del G7 gli Stati membri hanno esplicitato gli obiettivi futuri in tema ambientale. Nel documento possiamo leggere:

Ognuno di noi è impegnato a perseguire politiche e investimenti per garantire che i nostri sforzi per decarbonizzare la nostra flotta di veicoli siano in linea con le traiettorie necessarie per mantenere un aumento della temperatura di 1,5°C a portata di mano e sono coerenti con l’integrità ambientale e climatica.

G7: il documento finale stabilisce gli obiettivi energetici e ambientali per l’Italia

auto el 1

Come si evince dal documento emanato alla fine di queste intense giornate di discussioni in Giappone, i paesi membri si impegneranno in un’opera di decarbonizzazione, che ci si auspica avvenga in tempi rapidi. Lo scopo, si legge, é quello di:

raggiungere il 100% o la massiccia penetrazione delle vendite di veicoli leggeri come ZEV entro il 2035 e al di là; raggiungere il 100% di veicoli elettrificati nelle vendite di autovetture nuove entro il 2035; promuovere le infrastrutture associate e combustibili sostenibili a emissioni zero, compresi i combustibili biologici e sintetici sostenibili.

Il ministro dell’Ambiente e della Sicurezza energetica italiano, Gilberto Pichetto Fratin, a conclusione del G7, ritiene che gli obiettivi che i paesi si sono preposti sono soddisfacenti, così come lo è l’attenzione che si è posta ai problemi ambientali e climatici. Il ministro Fratin ha inoltre affermato che l’Italia è pronta a impegnarsi in tema di trasporti per favorire il passaggio a un utilizzo maggiore dei biocarburanti sostenibili.