Gas Naturale: produzione e inquinamento

-
24/04/2021

Il gas naturale viene impiegato in tutte le case, ma non sempre se ne conoscono le caratteristiche e le qualità. Si tratta principalmente di metano, che può essere utilizzato per il riscaldamento ma anche per alimentare i fornelli ed è meno inquinante se confrontato con altri combustibili fossili. 

gas-1749026_1920


Il gas naturale si trova in natura in giacimenti oppure allo stato fossile insieme al petrolio o al carbone. Questo tipo di gas viene anche prodotto dai processi di decomposizione, durante la digestione degli animali, nelle paludi e nelle discariche. Si tratta quindi di un combustibile di facile reperibilità, soprattutto in Italia.

Gas naturale: produzione e utilizzi

Il componente principale del gas naturale è il metano, ma nella miscela si trovano anche piccole tracce di altri gas (butano, propano, etano, anidride carbonica e azoto). Questo gas è inodore ed incolore, ma il metano che viene impiegato nelle case ha un odore tipico conferitogli dai mercaptani, aggiunti appositamente per rendere eventuali perdite di gas subito rintracciabili.


Leggi anche: Bioetanolo: combustibile ecologico

Come dice la definizione stessa del termine, il gas naturale non deve essere prodotto perché si trova già in natura. Tuttavia, il metano deve essere purificato prima di essere impiegato come combustibile. Sono quindi eliminate l’anidride carbonica e l’azoto (che lo renderebbero poco infiammabile) ma anche tutti gli altri componenti. Una volta ottenuta la forma pura, la si può immettere nelle reti di distribuzione.

Gas naturale: trasporto e distribuzione

smoke-258786_1920

Il gas naturale ha il grande vantaggio di poter essere trasportato con facilità rispetto ad altri combustibili. Il metano può infatti essere mantenuto allo stato gassoso oppure convertito allo stato liquido. Nel primo caso, è trasportato attraverso i metanodotti, delle tubature che collegano i giacimenti direttamente con i luoghi di lavorazione e quindi con le case.

Allo stato liquido, invece, il metano è trasportato all’interno di appositi serbatoi nelle navi metaniere. In questo caso deve poi essere riportato allo stato originario e questo avviene grazie ai rigassificatori.

Gas Naturale: a cosa serve e quanto inquina?

Il gas naturale è impiegato in diversi ambiti, soprattutto in Italia ed in Europa, perché la sua reperibilità è più elevata. Di conseguenza il costo è decisamente inferiore rispetto a quello di altri combustibili come ad esempio il petrolio. Nelle abitazioni private è impiegato per cucinare e per ottenere acqua calda (alimentare le caldaie a gas) ma questo non è il solo impiego del metano.

Il gas naturale è utilizzato anche nei processi produttivi delle industrie e soprattutto nelle centrali elettriche per produrre energia. Considerate che ad oggi circa la metà dell’energia elettrica che è prodotta in Italia deriva da centrali che sono alimentate proprio a gas.


Potrebbe interessarti: Biogas: cos’è e vantaggi

Ma quanto inquina il gas naturale? La combustione del metano genera gas serra, quindi non si può dire che non inquini. Se però lo confrontiamo agli altri combustibili fossili impiegati in modo massiccio dalle industrie o per alimentare i mezzi di trasporto possiamo affermare che tra tutti, rimane il meno inquinante.