Gerbera: la pianta decorativa che purifica l’aria di casa

-
20/09/2020

Gerbera


La gerbera è una pianta bellissima, che produce dei fiori colorati dalla forma simile alle margherite e si può coltivare sia sul balcone che nel giardino. Quello che però in molti non sanno è che le gerbere possono essere tenute anche dentro casa e sarebbe anzi consigliabile perchè purificano l’aria rendendola più sana e meno pericolosa per le vie respiratorie. La gerbera è dunque una pianta che tutti dovremmo coltivare: non si limita a donare un bellissimo tocco di colore ma permette anche di contrastare l’inquinamento dell’aria negli ambienti domestici.

C’è però un’altra bella notizia: le gerbere sono facilissime da coltivare, non hanno bisogno di particolari attenzioni e sono quindi adatte anche a chi non può dire di avere il pollice verde. Vediamo perchè questa pianta è così utile per purificare l’aria e come coltivarla al meglio in vaso, anche dentro casa.


Leggi anche: Piante da appartamento: 6 varietà eleganti e resistenti

Gerbera: la pianta che purifica l’aria di casa

La gerbera è una pianta bellissima, molto apprezzata per via dei suoi fiori colorati simili per certi versi alle margherite. C’è però un motivo in più per coltivare le gerbere in vaso e tenerle dentro casa: permettono infatti di migliorare la qualità dell’aria negli ambienti domestici perchè le sue foglie sono in grado di rimuovere fino al 40% delle polveri sottili presenti. Questo è un dettaglio molto importante, che non andrebbe mai sottovalutato. L’inquinamento dell’aria infatti rischia di provocare varie patologie e contrariamente a quello che si pensa le polveri sottili sono concentrate maggiormente proprio negli ambienti domestici.

Oltre alla gerbera esistono anche altre piante che purificano l’aria, ma non producono fiori colorati: tra le più efficaci ricordiamo il ficus benjamin, la dracena e lo spatafillo.

Come coltivare la gerbera in vaso

Come abbiamo accennato, coltivare la gerbera in vaso non è affatto difficile perchè questa è una pianta piuttosto resistente, che non necessita di cure o accorgimenti particolari. Naturalmente però bisogna preoccuparsi di assicurarle la giusta esposizione ai raggi solari e le corrette quantità di acqua.

Dove collocare la gerbera in casa: esposizione

Le gerbere sono piante che hanno bisogno di molta luce, quindi se le coltivate in casa dovete cercare di mettere il vaso in una posizione che sia sufficientemente luminosa. Per evitare che le foglie o i fiori si danneggino è comunque meglio evitare un’esposizione diretta ai raggi solari. L’ideale è sistemare il vaso davanti ad una finestra, protetto però da tende bianche o chiare in modo che riceva la giusta luminosità ma al tempo stesso vi sia un filtro dai raggi UV.


Potrebbe interessarti: 4 piante antizanzare da coltivare sul balcone

Attenzione al terreno: deve essere ben drenato

Le gerbere temono moltissimi i ristagni idrici e capita spesso che la pianta appaia afflociata proprio per questo motivo. Per evitare situazioni del genere, conviene mettere sul fondo del vaso uno stato di argilla espansa, in modo che l’acqua sia ben drenata e che le radici non rischiano di marcire.

Irrigazione: quanta acqua dare alle gerbere

Annaffiate la gerbera frequentemente, ma non esagerate mai con le quantità di acqua perchè altrimenti aumenta il rischio di ristagni idrici. Per essere sicuri che sia arrivato il momento chiusto per irrigare la pianta potete tastare il terreno: se è asciutto significa che si può procedere con l’annaffiatura, ma sempre a piccole dosi.