Gufo: dove vive, cosa mangia, perchè porta fortuna e altre curiosità

-
14/02/2018

Il gufo comune (nome scientifico Asio Otus) è un uccello diffuso in Europa, Asia e Nord America, che popola soprattutto i boschi e le foreste di conifere. Si tratta di un rapace notturno, difficile da vedere durante il giorno, che nel corso degli anni ha raccolto intorno a sé una miriade di leggende e di superstizioni. Se in alcune culture il gufo sembra essere il tipico uccello del malaugurio, in altre è al contrario portatore di fortuna. Il suo aspetto, ma anche le sue abitudini prettamente notturne, lo rendono un uccello particolarissimo e curioso: per questo oggi lo andremo a vedere da vicino. 


Il gufo comune non deve essere confuso con il Gufo Reale: una specie che raggiunge dimensioni notevolmente superiori, tanto da essersi aggiudicato il titolo di rapace notturno più grande d’Europa. Come vedremo tra poco infatti, mentre il gufo comune è in grado di raggiungere un’apertura alare di 1 metro, quello reale può arrivare anche fino a 2 metri.

Dove vive il gufo? Scopriamo i suoi habitat

GufoIl gufo comune, come abbiamo detto, è un rapace notturno diffuso in Europa, Asia e Nord America. Popola principalmente i boschi e le foreste di conifere: luoghi perfetti per appollaiarsi durante l’inverno. La vegetazione deve essere rigogliosa per consentirgli di nidificare, ma al tempo stesso i gufi hanno bisogno anche di spazi aperti per quando devono cacciare le prede. E’ quindi facile trovarli al limitare del bosco.


Leggi anche: Civetta: il rapace notturno che assomiglia al gufo

Al contrario dell’Asio Otus, il Gufo Reale (Bubo Bubo) si può trovare anche in Nord Africa. E’ una specie diffusissima anche nella nostra Penisola, e popola principalmente le Alpi e gli Appennini. Gli habitat prediletti sono gli stessi dell’Asio Otus: foreste di conifere e boschi dal fondo roccioso.

Cosa mangia il gufo comune?

I gufi comuni hanno un’alimentazione prevalentemente carnivora: si nutrono di uccellini, topi e altri piccoli mammiferi, ma anche di insetti, falene, ragni e lucertole. La dieta è piuttosto varia, ma quasi completamente priva di alimenti vegetali. In rare occasioni, il gufo mangia anche piccoli serpenti: qualsiasi animale può andare bene, a patto che sia delle dimensioni giuste per essere facilmente ingoiato e digerito.

Gufo e civetta: quali sono le differenze?

CivettaIl gufo e la civetta vengono spesso erroneamente scambiati: sono entrambi dei rapaci, ma appartengono a specie differenti e nonostante abbiano importanti differenze, posseggono anche diverse caratteristiche comuni. Sia i gufi che le civette hanno la testa piuttosto grande e gli occhi tondi che possono avere diverse colorazioni in entrambe le specie. Il collo è in grado di ruotare di ben 270° e questa è una caratteristica che accomuna sia i gufi che le civette, così come la tipologia di prede e quindi l’alimentazione.

Tuttavia, le differenze tra gufi e civette sono piuttosto evidenti, specialmente per quanto riguarda l’aspetto fisico: si possono distinguere facilmente perchè i gufi hanno due ciuffi sulla testa che invece le civette non hanno. 

Il gufo porta fortuna o sfortuna?


Potrebbe interessarti: Animali Notturni: le specie che vivono di notte

Il gufo è un animale particolare, che in alcune tradizioni porta fortuna mentre in altre viene considerato l’uccello del malaugurio. Non a caso, ancora oggi l’espressione “gufare” significa portare sfortuna e remare contro. In realtà, nella tradizione ispanica e cristiana questo animale è un vero e proprio portafortuna, simbolo della saggezza e della spiritualità.

Ti potrebbe interessare anche…