Il cappotto termico e i benefici che ne derivano in termini di risparmio energetico e comfort

0
208

La casa è il luogo in cui si trascorre la maggior parte del tempo. Per questa ragione deve essere sicura, ma soprattutto risultare confortevole e performante. Del resto, se tutto non funziona al meglio è possibile andare incontro a delle spese piuttosto elevate. Negli ultimi anni, sempre più persone decidono di realizzare un cappotto termico, convinte di poter contare su numerosi benefici.

Ma è veramente così? Effettivamente sì, poiché questo tipo di intervento permette di migliorare le prestazioni energetiche dell’edificio, mediante l’applicazione di pannelli isolanti in corrispondenza delle pareti esterne (ovvero la facciata) o interne. Inoltre, il cappotto termico, se realizzato al meglio, consente di  aumentare il benessere all’interno dell’abitazione. Infatti, l’isolamento dal caldo e dal freddo permette di mantenere una temperatura più stabile e gradevole.

Non bisogna dimenticare, poi, che consente di risparmiare sui costi per il riscaldamento ed il raffrescamento. Del resto, in estate impedisce al calore di entrare, limitando la necessità dell’aria condizionata, mentre in inverno consente di trattenere maggiormente il calore all’interno ed evita al freddo di penetrare, riducendo la necessità di accedere i termosifoni. Infine, è bene specificare che questo intervento permette anche di aumentare il valore dell’immobile, il che può essere utile in caso di vendita.

Cappotto interno o esterno: cosa è meglio scegliere?

Non molte persone sanno che è possibile realizzare un isolamento termico interno o esterno. Ma quale è meglio scegliere? Ovviamente, molto dipende dalle necessità e dal budget a disposizione. Tuttavia, quando è possibile è sempre meglio propendere per un cappotto esterno, poiché assicura una minore dispersione del calore verso l’esterno, in quanto i pannelli vengono applicati sull’intera facciata in maniera continua.

In questo modo non si creano pericolosi ponti termici, il che è certamente un vantaggio durante il periodo invernale. Inoltre, questo tipo di intervento permette di ridurre i tempi di raffrescamento degli ambienti interni, limitando l’ingresso del caldo durante i mesi estivi.

Non bisogna dimenticare, poi, che evita la formazione di condensa e di muffe, che possono arrecare danno alla casa ed alle persone che vi vivono all’interno. Tuttavia, realizzare un cappotto esterno non è sempre possibile, soprattutto se l’edificio da trattare è sottoposto a particolari vincoli per quanto riguarda la facciata. Dunque, prima di agire, è bene informarsi.

Quanto costa realizzare un cappotto termico?

Il cappotto termico è la scelta ideale per chi vuole evitare sprechi e mantenere basse le bollette. É sicuramente una delle prime cose a cui è necessario pensare quando si vuole costruire casa da zero. Tuttavia, non è da disdegnare neanche in caso di abitazioni già esistenti. Ma quanto costa un cappotto termico? Ovviamente, molto dipende dal tipo di materiale scelto per i pannelli e dalla ditta a cui ci si affida.

Per questa ragione è bene richiedere diversi preventivi ed affidarsi a dei veri esperti. Tuttavia, non bisogna dimenticare che è possibile usufruire della detrazione Ecobonus 2019, il che vuol dire che è possibile recuperare buona parte dei soldi spesi per l’attuazione di questo intervento. Di fatto, è possibile risparmiare fino al 75% delle spese, ma solo se il cappotto termico è realizzato al meglio ed è in grado di migliorare veramente le prestazioni energetiche dell’edificio.


Loading...