Il governo del Regno Unito sotto accusa per l’inquinamento delle acque refluee

Il governo del Regno Unito non ha fatto abbastanza per combattere e arrestare l’inquinamento delle acque reflue (o di scarico), denunciano le aziende idriche trovatosi incolpate dai cittadini per un errore, affermano, che è stato compiuto dal governo.

inghilterra

Le cosiddette acque reflue o acque di scarico, ovvero le acque utilizzate per qualsivoglia attività umana, contengono spesso sostanze pericolose per la salute delle persone e inquinanti per l’ambiente. Nel Regno Unito esiste un vero scandalo a riguardo: da quanto si apprende dai dati dell’Agenzia per l’ambiente , le acque reflue sono state scaricate nei mari e nei fiumi del Paese più di 770.000 volte nel corso del 2020 e del 2021. Per farsi un’idea, equivale a circa lo scorrere di acqua di scarico per circa 6 milioni di ore.

Un problema per cui sembra debbano pagare le compagnie idriche inglesi, le quali in realtà incolpano innanzitutto il governo per, letteralmente, “essersene lavato le mani”.

Acque reflue in Gran Bretagna: la “colpa” è del governo?

Risparmiare, Acqua