Il pavimento fotovoltaico calpestabile: il futuro delle rinnovabili si chiama SUNPave

-
22/11/2022

L’Al Thumama Stadium, uno degli otto stadi della Coppa del Mondo del Qatar, testerà in anteprima le innovative piastrelle solari create appositamente per funzionare in climi caldi e aree sovraffollate. Andiamo a scoprire il nuovo pavimento fotovoltaico per capire quali potrebbero essere i vantaggi in futuro.

Pavimento, Fotovoltaico

Le piastrelle fotovoltaiche di SUNPave assicurano la stessa resa degli impianti inclinati.

SUNPave:come funziona

Energia, Solare

È stato disegnato per offrire al mercato solare una nuovo sistema altamente integrato e funzionale, in grado di adattarsi a coperture e facciate edilizie, marciapiedi, piattaforme galleggianti e persino binari ferroviari. È il pavimento fotovoltaico calpestabile nato nel 2017 dal progetto internazionale PVTopia. Sulla carta il sistema ricorda i tanti altri progetti di piastrelle solari presentati in questi anni a livello mondiale, con risultati a dire il vero non sempre soddisfacenti. Ma nella sua implementazione, i promotori si sono dati obiettivi specifici: realizzare un prodotto su misura per la regione MENA (“Medio Oriente e Nordafrica”), in grado di tollerare perfettamente i climi caldi locali senza perdere di efficienza.

I partner di PVTopia, spiegano:

“Una vasta area di passerelle pedonali e cortili soleggiati abbraccia città, paesi e villaggi in tutta la regione MENA. Per trasformare questi spazi in potenziali fonti di energia, è necessario un nuovo tipo di tecnologia solare poiché i tradizionali pannelli fotovoltaici non sono calpestabili. Inoltre, nel Medio Oriente e Nordafrica, i tetti sono per lo più piatti. In diverse città e paesi sovraffollati in tutta la regione (ad es. nelle aree povere dell’Egitto), molti proprietari di case sono scoraggiati dall’installare i moduli inclinati sui tetti poiché rendono le coperture inutili per altri scopi”.


Leggi anche: Pavimento fotovoltaico: cos’è e come funziona

Pavimento fotovoltaico calpestabile: il primo test durante la Coppa del Mondo

PLATIO: mattonelle fotovoltaiche

L’iniziativa, lanciata da un gruppo di ricercatori dell’Università di Alessandria e della Glasgow Caledonian, ha realizzato il primo prototipo da 1 kW nel 2019 in Egitto, registrando da lì a poco il brevetto. E fondando la startup SUNPave. Ma la prova del fuoco è arrivata quest’anno con la vittoria del bando lanciato della Coppa del Mondo 2022 in Qatar. Gli organizzatori cercavano progetti innovativi che potessero fornire al campionato nuove fonti di energia rinnovabile. SUNPave è stata selezionata in una rosa di innovatori e supportata con un investimento di 100mila dollari.

Lo speciale pavimento fotovoltaico calpestabile sarà quindi testato per la prima volta quest’anno, in un’area di 50 mq presso la biglietteria dell’Al Thumama Stadium, uno degli otto stadi dove si giocherà la Coppa del Mondo 2022.

Mohamed AlGammal, co-fondatore di SUNPave, spiega ai media locali che:

“La quantità di energia che può essere generata dalle piastrelle installate in questo spazio è sufficiente per alimentare un appartamento con tre camere da letto, comprese tutte le utenze come aria condizionata, illuminazione e frigoriferi”.

Come tutti i progetti di questo tipo, la caratteristica numero uno delle piastrelle è l’elevata resistenza meccanica, assieme ovviamente a proprietà antigraffio, antiscivolo e antiriflesso. Ma il pavimento fotovoltaico calpestabile di SUNPave aggiunge altri due elementi chiave: una tecnologia di raffreddamento passiva/attiva per gestire la temperatura e un design ottico per catturare efficacemente i raggi del sole indipendentemente dall’angolo di incidenza.