Il riccio: caratteristiche e utilità per l’orto

-
09/02/2021

Il riccio è un mammifero molto presente in Italia, soprattutto in parchi e orti urbani. E’ un animale onnivoro, ghiotto di insetti e molluschi, e la sua presenza nell’orto è davvero molto utile. Approfondiamo la conoscenza di questo simpatico animaletto e scopriamo insieme come costruire delle casette per ospitarlo nel nostro orto.

hedgehog-3703244-1920

Il riccio comune o riccio europeo (Erinaceus europaeus) è una specie appartenente alla classe dei mammiferi. Il suo aspetto è unico, non supera o 25 cm di lunghezza da adulto e raggiunge 1kg di peso. Le zampe sono abbastanza corte, ma ha unghie molto affilate. E’ ricoperto di aculei neri con striature bianche sul dorso, lunghi oltre 2 cm. Gli aculei possono essere fino a 6000 per esemplare, sono appuntiti e dotati di muscoli, e costituiscono una vera e propria corazza difensiva sia contro i predatori sia contro gli urti, grazie alla loro flessibilità.

Il riccio: caratteristiche e utilità nell’orto

Il riccio è un animale notturno e solitario, non si arrampica sugli alberi e non scava gallerie. Il suo ambiente ottimale è dato dalla vegetazione bassa, perciò l’orto è un habitat ottimale. Grazie al naso allungato si muove bene alla ricerca di prede. In estate si costruisce un nido con le foglie secche sotto legna o cespugli, dove accudisce i cuccioli o va in letargo da novembre a marzo. Può cambiare tana anche fino a 20-30 volte. Vive in media 3-4 anni anche se in ambiente ottimale ne vivrebbe almeno 10.


Leggi anche: Calabrone: un insetto poco aggressivo, spesso confuso con il bombo

hedgehog-548335-1920

Il ruolo del riccio nell’orto

Il riccio è un animale prezioso per l’orto perché mangia vari insetti, in particolare lumache e limacce, e contribuisce quindi a limitare questi fitofagi in maniera naturale. Si nutre anche di lombrichi e altri invertebrati del suolo, e talvolta anche di ratti. Dal momento che non è un grande scavatore, non c’è rischio che arrechi danni agli apparati radicali delle piante che si trovano nel nostro orto.

Come attirare il riccio nell’orto

Per attirare uno o più ricci nel nostro orto si possono seguire due metodi: o costruire una casetta o rifugio artificiale per il piccolo mammifero, o creare le condizioni ottimali affinché sia attratto nel nostro orto. Nel primo caso si consiglia l’autoproduzione: basta realizzare una casetta in legno con un tunnel di accesso. La seconda opzione però è solitamente la più frequente. Innanzitutto bisognerà consentire al riccio di accedere al nostro orto, favorendone il transito, e mettere a disposizione cataste di legna o cumuli di pietre.