Ischia: i veri motivi della frana che ha travolto l’isola

Alle 5 del mattino del 26 novembre una frana ha travolto il comune di Casamicciola, nell’Isola di Ischia; una tragedia che conferma come l’abusivismo e la crisi climatica portino alla distruzione.

Ischia frana

Nel comune di Casamicciola la recente frana avvenuta ha messo in evidenza dei seri problemi abitativi e quanto la crisi climatica, insieme all’indifferenza umana, possano portare alla devastazione.

Il 26 novembre fango e detriti partiti dal monte Epomeo hanno causato ingenti danni e la morte di dieci persone; le ricerche continuano perché ci sono ancora dei dispersi. Intanto la Procura di Napoli ha aperto un fascicolo per indagare sugli allarmi rimasti inascoltati:

Nel momento che l’isola di Ischia si trova in questa situazione e ci sono degli allarmi, che io ho dato, era necessario che questi cittadini fossero avvertiti, voi di qua ve ne dovete andare perché è pericoloso.

Ha sottolineato l’ex sindaco di Casamicciola Giuseppe Conte recentemente ospite ad Agorà Rai Tre, il quale ha detto di avere lanciato l’allarme ben quattro giorni prima della tragedia. Nulla è stato però messo in atto per difendere i cittadini e così il fango ha travolto strade, abitazioni, negozi, uccidendo dieci persone tra cui tre bambini.

Anche alcune associazioni e istituzioni sono intervenute, denunciando come una tale tragedia sia figlia di eventi meteorologici estremi che aumentano a causa della crisi climatica ma anche causata dall’abusivismo che caratterizza una zona tra l’altro ad alto rischio idrogeologico.

Una tragedia avvenuta tra crisi climatica, allarmi ignorati e abusivismo

86D0E8A0-70F9-420C-98EE-46BD95D1056F

Nel comune travolto dalla frana dello scorso 26 novembre 2022 continuano le ricerche mentre la Procura indaga sugli allarmi ignorati e c’è anche chi denuncia un altro fondamentale problema: metà delle case a Casamicciola sono state costruite senza permesso in zone note per essere ad alto rischio.

L’area in cui risiedono circa 60mila persone è ad alto rischio idrogeologico, ma comunque si contano circa 27mila abitazioni abusive.

 Con l’aumento degli eventi meteorologici estremi, che addirittura in Italia quintuplicati negli ultimi sei anni e l’abusivismo indisturbato, divengono subito chiari i motivi di una tale tragedia.

Come hanno sottolineato associazioni quali WWF e Legambiente, quel che è accaduto a Ischia non fa altro che confermare ancora una volta le conseguenze dell’incosciente intervento umano. La frana lega infatti due fenomeni tra loro correlati: l’abusivismo e l’aumento di eventi climatici estremi.