Edilizia del futuro: vantaggi delle case passive

-
20/04/2021

Se fino a qualche anno fa se ne sentiva parlare poco, ultimamente le case passive stanno conquistando il settore edile ed il motivo è piuttosto semplice. A partire dal 2021 infatti tutti gli edifici di nuova costruzione dovranno essere certificati proprio in quest’ottica e possedere quindi tutte le caratteristiche dei cosiddetti “Near Zero Energy Building”.


large-home-389271_1280

Le case passive sono le soluzioni del futuro, e se realizzate in legno offrono un ulteriore vantaggio. Questo perché consentono di ridurre al minimo l’impatto ambientale, nel nome di una sostenibilità che ormai da decenni si sta cercando. Si utilizza infatti una materia prima totalmente rinnovabile con un bassissimo consumo energetico per la produzione e messa in opera e uno sfruttamento delle risorse idriche praticamente assente. Vediamo più da vicino queste nuove costruzioni e cerchiamo di capire insieme quali sono i vantaggi, non solo all’ambiente ma anche dal punto di vista economico.

Cos’è una casa passiva?

Una casa passiva è un’abitazione in grado di risultare autosufficiente dal punto di vista del fabbisogno energetico. Per fare questo è necessaria una minimizzazione dei consumi, che viene raggiunta grazie alla combinazione di alcuni accorgimenti. Tra questi, l’elevato isolamento termico dell’involucro edilizio, la ventilazione meccanica controllata e l’ottimizzazione degli apporti solari gratuiti.


Leggi anche: Come si riducono i costi di esercizio in una residenza all’avanguardia: la nuova edilizia vicino a Milano

Nelle case passive del Nord Europa non sono installati impianti di riscaldamento tradizionali perché non servono. Il calore rimane all’interno dell’abitazione, grazie alla scarsissima se non nulla dispersione termica. Non serve aggiungere altro: si capisce già da questo quanto i consumi e il dispendio in termini energetici siano limitati.

I vantaggi di una casa passiva in legno

lake-192990_1280

I vantaggi di una casa passiva in legno sono moltissimi e si concretizzano non solo nel risparmio energetico ma anche nella sostenibilità ambientale a tutto tondo. Il comfort abitativo risulta maggiore proprio in virtù dell’assenza di riscaldamento tradizionale. Inoltre il calore si distribuisce in modo più uniforme all’interno dell’edificio, rendendo l’aria più salubre.

A livello di costi, in bolletta si possono notare i vantaggi di questa soluzione sin da subito. Se quindi il prezzo iniziale può essere leggermente più elevato, nel corso degli anni si possono ammortizzare molto velocemente le spese.

Le case passive possono essere realizzate in legno perché si tratta di un materiale ecologico, riciclabile e riutilizzabile, a impatto ambientale pari a zero e molto più prestazionale nel trattenere il calore rispetto alla muratura tradizionale.