La lotta biologica in agricoltura

0
265
Lotta-biologica

L’agricoltura biologica sta facendo passi da gigante e sembra proprio che, nonostante i costi maggiori e la presenza di alcune tecniche ancora da perfezionare, questo tipo di coltivazione sia molto apprezzata. Ormai sono sempre di più le persone che scelgono di acquistare i prodotti derivanti da agricoltura biologica, perchè consapevoli del fatto che sono più sani e più sicuri. Non utilizzare pesticidi e altri prodotti chimici dannosi è diventato sempre più importante e la lotta biologica da questo punto di vista ha assunto sempre più valore. Perchè mai usare prodotti chimici quando per salvare le proprie colture basta sfruttare l’attività di insetti in grado di debellare quelli più pericolosi per le piante?

Effettivamente, la lotta biologica in agricoltura offre enormi vantaggi e si sta diffondendo un po’ dappertutto. Ma come funziona questa tecnica? Quali sono gli insetti che possono aiutarci a combattere le minacce per le nostre colture?

Lotta biologica in agricoltura: come funziona?

Lotta-biologicaQuando parliamo di lotta biologica in agricoltura ci riferiamo ad una tecnica particolare, che ha l’obiettivo di sconfiggere tutti gli insetti che rappresentano una minaccia per le colture. Per raggiungere questo scopo si impiegano spesso parecchi prodotti chimici: insetticidi velenosi che inevitabilmente vanno ad intaccare anche i frutti e gli ortaggi coltivati. Oggi, fortunatamente, l’agricoltura biologica e quindi del tutto priva di queste tecniche nocive si sta diffondendo sempre di più. Lo possiamo vedere intorno a noi: sono nati tantissimi negozi bio, ristoranti bio e via dicendo perchè la gente sa benissimo quale sia la differenza tra l’agricoltura sana e quelle pericolosa, per la salute e per l’ambiente. Ma come funziona nel dettaglio la lotta biologica? In realtà è molto più semplice di quello che potrebbe sembrare. Si acquistano degli insetti specifici, che attaccano e sconfiggono altre specie (dannose per le piante). Questi piccoli animaletti non fanno altro che uccidere gli organismi nocivi per le colture, in modo del tutto naturale e senza alcun prodotto chimico.

Gli insetti più utili nella lotta biologica

Gli insetti utili nella lotta biologica in agricoltura sono diversi, ma tra i più utilizzati troviamo due specie: i nematodi e le coccinelle.

Nematodi: insetti preziosi

I nematodi sono tra i più utilizzati nella lotta biologica in agricoltura perchè sono in grado di proteggere diversi tipi di piante e colture. Questi piccoli vermetti, praticamente invisibili ad occhio nudo, attaccano molti altri insetti che provocano danni in agricoltura e in particolare i seguenti:

  • Formiche;
  • Piralide del bosso;
  • Carpocapsa (del melo, del pero e del noce);
  • Limacce;
  • Maggiolini;
  • Tipula;
  • Sciaridi;
  • Dorifore;
  • Castnide delle palme (anche chiamato punteruolo rosso).

Coccinelle e crisope: divoratrici di afidi

Le coccinelle sono molto utilizzate nella lotta biologica, perchè sono delle grandi divoratrici di afidi e pidocchi che come sappiamo rappresentano un grande pericolo per moltissime colture. Una sola coccinella è in grado di uccidere fino a 100 afidi al giorno ed è quindi una risorsa preziosa per difendere le piante in modo naturale e senza l’utilizzo di prodotti chimici dannosi. Le crisope sono molto aggressive contro gli afidi, ma anche contro i ragnetti rossi e le cocciniglie.