Mediterraneo: venti periodici

-
07/05/2021

I venti periodici del mediterraneo sono quei venti che invertono periodicamente il senso. Principalmente l’area che comprende il Mar Mediterraneo classifica i venti in base alla direzione da cui provengono e tale scala viene istituita dalla Rosa dei venti. Vediamo dunque quali sono questi venti periodici del mediterraneo.

dandelion-463928_1920

Il Mar Mediterraneo è caratterizzato dalla presenza di alcuni venti definiti periodici. Un vento periodico è caratterizzato dal fatto che la sua direzioni cambi periodicamente. Questo può accadere quando le condizioni di pressione atmosferica cambiano, per cui si creano delle zone ad alta pressione dove prima c’era una zona a bassa pressione e viceversa. Scopriamo insieme quali sono i principali venti periodici del Mediterraneo.

I venti periodici del Mediterraneo

Tramontana

Proviene dalle regioni polari e quindi soffia da Nord. Risulta freddo e umido in Germania e una volta arrivato nelle regioni dello Stivale raggiunge temperature molto fredde e secche. E’ caratterizzato da forti raffiche e si manifesta quando non sono presenti precipitazioni, con cielo sereno e la visibilità è ottima.


Leggi anche: La Rosa dei Venti: quali soffiano in Italia

La Tramontana ha molti altri nomi a secondo delle regioni di provenienza, come Aquilone, Buriana e il più conosciuto è Bora, che soffia da Est-Nord-Est, nei mesi invernali sul Golfo di Trieste e sul Quarnaro, la cui azione è sentita sull’intero Adriatico.

Grecale

La sua provenienza subisce blande variazioni, comunque soffia da Nord-Est ed è un vento tipicamente invernale, quindi freddo e asciutto. Il suo nome deriva dagli antichi navigatori del Mediterraneo centrale che supponevano fosse un vento di derivazione greca. Porta cielo sereno e tempo bello e come la Tramontana, soffia a raffiche.

Levante

E’ un vento fresco che soffia da est ed è di leggera intensità. Quando spira nel Tirreno porta nuvole e perturbazioni da Scirocco. È un vento freddo che passa dal Mediterraneo portando pioggia e tempesta.

Scirocco

santorini-416135_1920

Vento che spira da Sud-Est e proviene dal deserto del Sahara, pertanto risulta secco e molto molto caldo, attraversa il Mediterraneo, caricandosi di umidità, che rilascia sotto forma di pioggia una volta arrivato nelle regioni settentrionali.

Ostro (o Mezzogiorno o Austro)

Vento molto debole di origine meridionale che porta pioggia e tempesta, ma la sua azione è talmente lieve da non influenzare il moto del mare.

Libeccio

E’ il vento di Sud-Ovest che i Romani denominano africo o ponente iemale. Proviene dalla Libia e porta tempesta. Nonostante la sua origine di vento marittimo non ha le stesse caratteristiche degli altri venti. Nasce molto velocemente e raggiunge livelli di potenza davvero incredibili, ma con la stessa intensità e velocità si placa. Il libeccio è un vento che viene sempre dopo le perturbazioni e porta con sé tempo bello e cielo sereno.


Potrebbe interessarti: Vento grecale: caratteristiche, provenienza e curiosità

Ponente (o Espero)

E’ un vento che soffia da Ovest, tipico dei mesi estivi e delle coste laziali. Ha origini dal diverso riscaldamento della terra e del mare, attraversa Roma donando una piacevole frescura. Si sente molto sulle coste tirreniche e sulle coste adriatiche centro meridionali.

Maestrale (o Maestro)

Vento che spira da Nord-Ovest e insieme al Libeccio sono caratteristici del Mediterraneo centrale. La sua intensità è molto notevole arrivando a superare i 120 km orari, è asciutto ed un vento considerato di burrasca soprattutto in Sardegna e in Corsica. È il Maestro dei Venti è la sua presenza annuncia l’inverno. Soffia sull’alto Tirreno sul mar Ligure e vi arriva dalle vallate del Rodano e golfo del Leone.