Microplastiche: quali sono i danni per la salute?

-
11/09/2022

La plastica è usata in ogni settore produttivo e attività umana e purtroppo molto di questo materiale finisce nelle acque di mari e oceani proprio a causa dell’uomo. I frammenti della plastica si disperdono nell’ambiente sottoforma di microplastiche che potrebbero essere pericolose per l’uomo e gli animali. Andiamo a scoprire di cosa si tratta.

Plastiche

Si stima che le plastiche rivenute negli oceani rappresentino l’80% del totale dei rifiuti, numeri da capogiro.

Microplastiche: cosa sono e perchè inquinano così tanto

Inquinamento, Plastica

Alcuni frammenti di plastica restano per sempre nelle acque poiché sono difficili da eliminare totalmente attraverso i sistemi di filtrazione e depurazione delle acque reflue: si parla in questo caso di microplastiche ovvero una miscela eterogenea di materiali di forma differente, frammenti, fibre, sfere, granuli, pellets, fiocchi o perle, di dimensioni da 1 micrometro a 5 millimetri.

La concentrazione delle microplastiche in ambiente marino è pari a circa 102.000 MP per metro cubo, ed è ancora più elevata nelle zone vicine ai siti di smaltimento rifiuti, agli impianti di trattamento delle acque, ai porti.

Microplastiche: i rischi per la salute umana

Inquinamento, Plastica

La salute di noi esseri umani, oltre che dell’intero ecosistema marino e dell’ambiente, è messa in pericolo proprio dal fatto che siamo tutti esposti agli effetti dannosi delle microplastiche mediante il consumo di cibi (pesce, gamberi, bivalvi) o l’utilizzo di tessuti o cosmetici in essi contenuti.

I rischi per l’uomo derivanti dalle microplastiche possono essere di natura fisica, chimica o microbiologica: si tratta soprattutto di danni diretti all’apparato respiratorio e all’apparato digerente che sono i primi apparati con cui le microplastiche entrano in contatto.

Inoltre le microplastiche possono essere veicolo di sostanze potenzialmente pericolose, di natura organica oppure inorganica, ad esempio metalli che possono interferire con il sistema endocrino e causare problemi alla sfera riproduttiva e al metabolismo sia nei figli di genitori che sono stati esposti alle microplastiche durante la gravidanza, sia in età adulta a seguito di esposizione nelle prime fasi di vita.

Molti sono i rischi per l’uomo legati alla diffusione delle microplastiche. Sarà necessario implementare dei sistemi che saranno in grado di smaltire e a liberare gli ecosistemi da questi materiali così dannosi.