Pannelli solari e E-Bike: nuovi sconti e agevolazioni fiscali

-
29/04/2022

Agevolazioni e riforme sul campo energetico sono ormai ricorrenti negli ultimi mesi. Ebbene sì dal primo Gennaio 2025 entrerà in vigore la direttiva europea 2022/542 con cui prenderà corpo la riforma comunitaria della aliquote IVA. Andiamo a scoprire quali saranno le agevolazioni e come verranno applicate.Unione, Europea

Cosa prevede la normativa?

La normativa prevede l’applicazione di un’aliquota IVA dallo 0% al 5% sui pannelli solari. La direttiva 2022/542/CE, che disciplina le modifiche della riforma, è stata pubblicata in questi giorni sulla Gazzetta Ufficiale, però per osservare i primi cambiamenti effettivi  sul sistema IVA dovremmo aspettare il 2025. Gli stati membri dell’Unione Europea avranno tempo fino al 31 Dicembre 2024 per fornire le proprie indicazioni che entreranno ufficialmente in vigore il 1° Gennaio 2025.

In base alla nuova riforma, i paesi membri saranno liberi di applicare aliquote ridotte su determinati beni e servizi, in particolare potrebbero avvalersi di un massimo di due aliquote pari al 5% e di un’altra definita “super ridotta” inferiore al 5%.

E’ importante considerare che nella lista dei servizi o dei prodotti sono interessati i pannelli solari. Fortunatamente il Consiglio dell’Unione europea ha confermato che sarebbe opportuno includere in questa selezione anche i sistemi fotovoltaici, generatori di energia rinnovabile in linea con gli obbiettivi ambientali assunti dall’Unione Europea per raggiungere la decarbonizzazione tramite il Green Deal europeo.

Energia, Rinnovabile

Oltre la lista dei prodotti desiderabili da inserire nella riforma, viene espressa la necessità di promuovre l’uso di fonti energetiche rinnovabili mediante le agevolazioni riguardanti le aliquote IVA ridotte. L’obbiettivo finale è quello di sostenere e raggiungere l’autosufficienza dell’Unione dal punto di vista energetico, infatti si potrà migliorare in questo modo l’accesso dei consumatori finali alle fonti di energia verde.

Le altre applicazioni

Oltre la possibilità di ricevere agevolazioni per le energie rinnovabili, la Direttiva prevede l’immissione nell’elenco dei beni e servizi assoggettabili alle aliquote ridotte, anche le e-bike e gli impianti di riscaldamento a basse emissioni e ad alto rendimento.

Sarà necessario adoperarsi nel migliore dei modi per usufruire dei vantaggi fiscali della Direttiva 2022/542, inoltre è importante da considerare il raggiungimento degli obbiettivi del Green Deal per la transizione energetica a cui dovremmo affidarci per un futuro più sostenibile.