Pareti solari: cosa sono e come funzionano

-
23/11/2022

Una startup francese ha ideato un rivestimento per pareti che funge da scambiatore solare aerotermico ad alte prestazioni e si tratta di un investimento che a lungo termine permette di ottenere ampi risparmi in bolletta. Vediamo insieme di cosa si tratta.

world-habitat-day-model-house-hand

Fondata nel 2019, la startup francese Air Booster si occupa di trasformare il rivestimento metallico delle pareti degli edifici in uno scambiatore solare aerotermico ad alte prestazioni. In che modo? Grazie a R’Booster, l’invenzione di questa azienda in grado di riscaldare le pareti.

Scopriamo insieme cos’è e come funziona.

R’Booster: di cosa si tratta

world-habitat-day-close-up-picture-pile-coins-model-house

In questo periodo di crisi energetica, in molti stanno buttando un occhio sulle ultime invenzioni in materia di rinnovabili e riscaldamento della casa. Pur di ridurre i costi delle bollette, i cittadini di ogni dove stanno valutando l’opzione di investire in tecnologie efficienti che permettano di sostituire luce e gas all’interno delle proprio abitazioni.

Tra le innovazioni più interessanti per quanto riguarda il riscaldamento, la startup francese Air Booster ha inventato R’Booster, un sistema che sfrutta la potenza dell’energia solare senza usare alcun pannello fotovoltaico.

Ma come è possibile? Questa tecnologia è dotata di un rivestimento che concentra la luce e permette di generare più energia. Applicato alle pareti, il rivestimento può scaldarsi fino a 60°C anche se all’esterno si raggiungono i 10°C.

Come funziona

beautiful-home-1680790_1920

Il rivestimento assorbe l’energia solare che tramite un sistema aeraulico recupera il calore per reimmetterlo nell’edificio.

Dall’esterno, R’Booster appare come un classico rivestimento metallico, ma dietro è presente una lastra di acciaio elettrozincato che consente all’aria di circolare attraverso i canali inseriti nel raccordo e di riscaldarsi a contatto con la lamiera.

Dietro il rivestimento è installato un ventilatore per ridistribuire l’aria nell’edificio.

Questa tecnologia è in grado di riscaldare in invero e di raffreddare in estate, poiché in quest’ultimo caso, non appena la temperatura oscilla tra i 12 e i 16°C durante la notte, il sistema si attiva e immette aria fresca negli edifici.