Pavegen: come convertire l’energia cinetica in elettricità

-
20/10/2020

Si può generare elettricità dal semplice movimento del nostro corpo? 

La risposta è Sì. 

Grazie agli studi e alle innovazioni realizzate nell’ambito delle energie sostenibili, anche l’energia cinetica, generata dal movimento dei corpi, può essere trasformata in elettricità attraverso l’utilizzo delle più recenti tecnologie. 

In questo articolo scoprirai un’invenzione che potrebbe davvero rivoluzionare il modo di generare elettricità attraverso un sistema ecologico e sostenibile. 

Si tratta di Pavegen, un pavimento intelligente ideato dal designer industriale Laurence Kemball-Cook, che converte l’energia cinetica dei nostri passi in elettricità. 

Un’innovazione straordinaria che ha tutte le carte in regole per avere un impatto importante anche nel settore dell’automotive.

Prima di illustrarti il funzionamento di Pavegen, vediamo cos’è l’energia cinetica e come viene generata. 

Energia Cinetica: cos’è e come funziona

Pavegen r


L’energia cinetica è l’energia legata al movimento dei corpi, ovvero l’energia che un corpo possiede in virtù del proprio moto.

In sostanza l’energia cinetica è il lavoro necessario per far sì che un corpo acquisti velocità se questo parte da fermo ed è libero di muoversi. Quindi maggiore è la velocità, maggiore sarà l’energia cinetica del corpo.

L’energia cinetica dipende dalla massa del corpo e dalla velocità del movimento e si esprime nella formula:

K = ½ mv²

Ovvero l’energia cinetica è uguale al semiprodotto della massa per il quadrato della velocità.

Nel sistema internazionale l’unità di misura dell’energia cinetica è il Joule (J).


Leggi anche: Energia eolica la più importante delle energie rinnovabili

Abbiamo inserito questa breve parentesi per comprendere le caratteristiche dell’energia cinetica e come viene generata. 

Va da sé che anche il nostro corpo in movimento produce energia cinetica e se all’inizio dell’articolo abbiamo detto che il nostro movimento può essere trasformato in elettricità è perché l’energia cinetica può essere trasferita tra gli oggetti e trasformata in altri tipi di energia. 

Leggendo il prossimo paragrafo ti sarà tutto più chiaro. 

Pavegen: il pavimento che genera energia elettrica

Come ti abbiamo anticipato, c’è un’innovazione abbastanza recente che è in grado di convertire l’energia cinetica dell’uomo in elettricità.

Si tratta di Pavegen, un pavimento intelligente che trasforma l’energia cinetica scaturita dai passi di una persona in elettricità e dati. 

L’idea è di Kemball-Cook, un designer industriale, che insieme al suo team ha progettato questo pavimento formato da mattonelle a tre lati con un volano posizionato in ogni angolo. 

Ma come funziona Pavegen? 

In parole semplici il suo funzionamento è dato dalla pressione esercitata sulla superficie del pavimento che mette in moto tre bobine da cui si genera poi l’elettricità. 

La pressione, e quindi l’energia cinetica da cui parte il sistema, può avvenire anche con una semplice camminata ed è facile immaginare l’utilizzo di Pavegen soprattutto in luoghi affollati e di passaggio come centri commerciali, aeroporti e aree pedonali.  


Potrebbe interessarti: Il Forno Solare e le potenzialità di una tecnologia tutta “green”

Le prime installazioni di Pavegen sono avvenute nell’ambito di iniziative speciali o per scopi promozionali. Famosa è l’installazione realizzata sotto un campo da calcio in Brasile, nella favelas di Rio de Janeiro, che ha permesso di alimentare l’impianto d’illuminazione della zona oppure l’installazione avvenuta a Londra, questa volta in una strada molto trafficata come Bird Street.  

Ora Pavegen ha raggiunto oltre 200 installazioni situate in 30 paesi del mondo e speriamo che la sua diffusione possa essere sempre più ampia.

Lybra e Electric Pedals

Pavegen non è l’unica innovazione nell’ambito della trasformazione dell’energia cinetica in elettricità.

Basti pensare a due progetti in particolare che, insieme a Pavegen, possono rappresentare una vera rivoluzione per quanto riguarda la produzione di elettricità. 

Questi due progetti sono Electric Pedals e Lybra.

L’idea di Electric Pedals è molto semplice: si pedala e si genera elettricità.

Il sistema si fonda sul coinvolgimento delle persone che pedalando (come vedi, ancora energia cinetica) diventano fonte di energia rinnovabile. Non a caso è un sistema utilizzato soprattutto in occasione di festival e manifestazioni pubbliche con l’obiettivo di sensibilizzare le persone sul tema dell’ambiente e dell’approvvigionamento energetico.

L’unicità di Electric Pedals è che le persone non pedalano su biciclette installate su strutture già esistenti, ma possono portare la propria bicicletta da casa e collegarla al generatore. 

Lybra, invece, è un’innovazione nata dall’idea di una startup italiana che sfrutta l’energia generata dalle auto in frenata. 

Si tratta di una piattaforma da posizionare in luoghi in cui le auto sono obbligate a frenare e che trasforma la loro frenata in energia elettrica. 

Electric Pedals e Lybra sono due sistemi che insieme a Pavegen rappresentano il futuro e speriamo anche il presente della produzione di elettricità.

Prospettive future 

Pavegen è un progetto in forte espansione.

La testimonianza è il memorandum d’intesa che Kemball-Cook ha firmato nel 2018 con Siemens per dare all’azienda un carattere globale.

In questo modo Pavegen potrà aumentare il numero di installazioni e ampliare la sua diffusione nel mondo. 

Altro passo in avanti sarà quello di sfruttare i principi alla base di Pavegen sfruttando l’energia cinetica, non dei pedoni, ma delle automobili.

In sostanza realizzare un Pavegen specifico per le automobili che sarebbe alimentato con molta più energia rispetto a quella generata dal movimento delle persone. 

Vedremo quali saranno gli sviluppi futuri in un settore fondamentale per un mondo sempre più ecosostenibile.