Petauro dello zucchero: carattere, prezzo, adozione e cose da sapere

0
765
Petauro

Il petauro dello zucchero (nome scientifico Petaurus breviceps) è un piccolo marsupiale che negli ultimi anni ha letteralmente conquistato il cuore delle persone ed è diventato un vero e proprio animale domestico. Originario della Nuova Guinea e dell’Australia, questo animaletto curioso e simpatico ha però delle necessità ben specifiche ed è quindi un errore pensare di poterlo adottare senza prima preoccuparsi di come prendersene cura. Nonostante le sue piccole dimensioni, il petauro dello zucchero non deve essere sottovalutato: ha un carattere piuttosto complicato e delle abitudini particolari. E’ quindi sempre meglio informarsi bene prima di adottarlo perchè potrebbe rivelare delle sorprese non sempre gradite. 

Petauro dello zucchero: aspetto e caratteristiche

Il petauro è un marsupiale di piccole dimensioni: può superare anche i 30 cm di lunghezza se consideriamo anche la coda, ma se li supera lo fa di poco. La sua testolina ha una forma triangolare, le orecchie sono piccole e completamente prive di pelo. E’ un animale molto espressivo, grazie agli enormi occhioni che gli permettono di vedere in modo più nitido anche durante le notte. La caratteristica più interessante e distintiva del petauro però è un’altra: il patagio. Si tratta di una membrana di pelle che parte dagli arti posteriori e arriva fino a quelli anteriori e che gli consente di fare planate che possono raggiungere anche gli 80 metri! In questo video potete ammirare la planata di questo simpaticissimo marsupiale, che atterra sulla mano della sua padrona:

Carattere e temperamento

Il petauro dello zucchero ha un carattere piuttosto complicato da gestire, specialmente se lo si vuole tenere in casa come animale da compagnia. Questo simpatico marsupiale infatti è molto attivo ed energico, vivace e giocherellone. Ama muoversi ed arrampicarsi su qualsiasi cosa, quindi tenerlo in gabbia non è proprio un gioco da ragazzi! Se lo si vuole adottare, bisogna cercare di rispettare il suo bisogno di attività e di scoperta, permettendogli di esplorare la stanza in tutta sicurezza. Date le sue piccole dimensioni, tende a ficcarsi dappertutto quindi bisogna staccare le prese di corrente, tappare i buchi e via dicendo, in modo che non rischi di farsi del male o di fare danni in casa.

Stiamo parlando di un animale poco adatto ai bambini, perchè richiede delle attenzioni e delle cure specifiche. Può però diventare un ottimo compagno di vita se lo si abitua sin da cucciolo.

Cosa mangia il petauro dello zucchero?

Il petauro è un animale onnivoro, quindi ha bisogno di tanta frutta e verdura ma anche di proteine ed in tal senso gli alimenti migliori sono i grilli e le locuste (assolutamente vivi). Inoltre, una volta al mese bisogna somministrargli un integratore di calcio perchè non è in grado di procurarsi in autonomia o di sintetizzare questo minerale indispensabile per la sua salute.

Adozione e prezzo di un petauro dello zucchero

Adottare un petauro al giorno d’oggi è molto semplice perchè esistono diversi allevamenti in Italia, ma è bene considerare che un esemplare da solo rischierebbe di morire di solitudine quindi conviene sempre acquistarne almeno 2. Il prezzo va dai 150 ai 200 euro. 

Ti potrebbe interessare anche…