Plastic e sugar tax eliminate? Il piano del governo Meloni

-
01/11/2022

Il governo Meloni si prepara ad eliminare la plastic tax e la sugar tax, dopo i continui rinvii dell’ultimo anno. Vediamo insieme qual è il piano dell’esecutivo attualmente in carica.

Plastic,

La plastic tax e la sugar tax sono due tasse introdotte dal governo Conte 2 nel 2019 mai entrate in vigore. Entrambe sono state pensate per diminuire l’uso della plastica monouso e il consumo di bevanda zuccherate poco salutari.

Fin dalla loro introduzione, le due tasse sono state accolte malvolentieri dalle imprese dei due settori colpiti, al punto da causare il rinvio di entrambe fino al 2022.

Attualmente, con il nuovo governo in carica, sembrerebbe che le due tasse saranno presto eliminate.

Addio plastic e sugar tax

used-plastic-bottles-recycling-bins-earth-day-campaign

Il centrodestra ha sempre contestato la plastic tax e la sugar tax e ora che si trova a governare è pronto a cancellare entrambe le tasse.

Tuttavia, la situazione è più complicata del previsto a causa di un problema di finanza pubblica. Infatti, a entrambe le tasse è collegato un gettito pari a 650 milioni di euro annui e per risolvere il problema, i tecnici del Mef hanno pensato di mettere in atto un processo composto da due fasi.

La prima riguarda un ulteriore rinvio delle tasse con la legge di bilancio, per posticipare la sospensione fino al 31 dicembre 2023. Successivamente, ci sarà un ricalcolo del gettito potenziale in primavera nel Def per preparare il terreno alla loro eliminazione definitiva.

Cosa sono la plastic e la sugar tax

riciclo-plastica-tappi

La tassa sulla plastica mirava al consumo di MACSI, ossia i manufatti con singolo impiego, utilizzati per il contenimento, la protezione, la manipolazione o la consegna di merci o prodotti alimentari, come buste, bottiglie, piatti, posate e bicchieri e altri oggetti monouso. Ne erano esclusi i prodotti compostabili conformi alla normativa o frutto dell’attività di riciclo, i dispositivi medici e i contenitori di medicinali.

Dall’altra parte, la sugar tax riguardava i prodotti destinati al consumo alimentare umano, ottenuti con l’aggiunta di qualsiasi sostanza, di origine naturale o sintetica, in grado di conferire sapore dolce alle bevande e aventi un valore alcolometrico inferiore o uguale a 1,2% per cento in volume.