Potenziale fotovoltaico: la Sicilia è unica in Europa

-
21/10/2022

La nostra regione è campionessa di potenziale fotovoltaico dopo la Lombardia. Secondo un recente ricerca la Sicilia ha delle caratteristiche uniche in Europa. Andiamo a scoprire per quale motivo l’isola italiana è così adatta allo sviluppo di tecnologie fotovoltaiche e non solo.

Fotovoltaico
Autore: Bru-nO / Pixabay

La nostra regione si aggiudica il titolo di campionessa di potenziale solare, seconda soltanto alla Lombardia per potenziale fotovoltaico, godendo però di una insolazione unica in Europa che rende l’investimento nell’ambito terreno agricolo più competitivo rispetto a culture meno redditizie.

Le città italiane più adatte al fotovoltaico

Sicilia, Sole
Autore: ventoargentato / Pixabay

The European House Ambrosetti con l’A2A ha realizzato la graduatoria fotovoltaica dello studio “Verso l’autonomia energetica italiana: acqua, vento, sole, rifiuti le nostre materie prime”, graduatoria il cui podio è occupato in ordine da Lombardia. Sicilia e Puglia.

Sicilia che, insieme alla Lombardia, ha un potenziale fotovoltaico ipotizzato intorno ai 12mila megawatt. Potenziale ritenuto ideale per la creazione di centrali fotovoltaiche in modo intensivo. Tuttavia ci sono differenze economiche, geografiche e sociali tra le due regioni che influiscono sulla posa dei possibili moduli fotovoltaici.

Il primato della Sicilia sul fotovoltaico

Sicilia
Autore: BuonoDelTesoro / Pixabay

Mentre in Lombardia le installazioni solari si prestano soprattutto sui tetti dei capannoni industriali e delle case, in Sicilia c’è una condizione unica in Europa, ciò corrisponde a una redditività maggiore del modulo solare. In parole povere, l’investimento è più competitivo.

Il sud d’Italia, quindi, si conferma centrale come fonte di energia. Soprattutto la Sicilia che in questo momento è motivo di discussione di cronaca per le nuove forme di energia. Le energie rinnovabili possono essere divise in diversi modi: solare, idroelettrico, eolico e agrivoltaico. Ciò che le caratterizza è il fatto che le fonti rinnovabili non hanno bisogno di seguire alcuna pianificazione, ma seguono paesaggi e natura.

Inoltre, secondo lo studio Ambrosetti-A2A, regioni come Puglia, Sicilia e Sardegna sono le regioni più beneficiate dal vento: con 13.300 megawatt complessivi Sicilia, Puglia e Sardegna rappresentano il 63% dell’opportunità di sviluppo. Analisi che sottolinea anche come Sicilia. Puglia, Lombardia e Puglia si concentri circa 44% di produzione e il 43% di potenza di fonti elettriche rinnovabili addizionali.