Riciclo creativo: come trasformare l’olio esausto in sapone

-
30/06/2022

L’olio è uno dei grassi che si usa maggiormente in cucina per tante preparazioni ed in tanti modi. Smaltire l’olio esausto in modo corretto è molto importante perché crea dei danni importanti all’ambiente. Andiamo a scoprire come smaltirlo e quali sono i modi per riciclarlo in maniera sostenibile.

Olio

Spesso ci capita di essere incerti su come smaltire l’olio esausto, fortunatamente esiste una tecnica fatta apposta per risolvere questo dilemma.

Olio esausto: come riciclarlo

Riciclare

È molto importante riciclare l’olio da cucina dopo l’uso, portandolo alla piattaforma ecologica più vicina a casa, perché non deve essere smaltito in modo improprio ad esempio gettandolo nel lavandino o nel water.

Questo perché l’olio è in grado di contaminare l’acqua e il suolo e quindi è estremamente nocivo, e può avere ripercussioni sull’intero ecosistema e sulla salute umana. Quindi, bisogna aspettare che si raffreddi, poi deve essere filtrato e versato in una bottiglia pulita e asciutta e portato presso la piattaforma ecologica.

Oppure non tutti sapranno che dall’olio esausto si può ottenere un sapone per la pulizia della casa.

Olio esausto: la ricetta per creare il sapone

Sapone


Leggi anche: Olio esausto: come smaltirlo e danni all’ambiente

Si può realizzare con il metodo a freddo che però prevede l’utilizzo di ingredienti un po’ pericolosi e quindi bisogna prendere le dovute precauzioni e tutele e, soprattutto, in base al grasso utilizzato, ricavare le giuste dosi di ogni ingrediente.

Serviranno: 800 g di olio di semi esausto, 200 g di olio d’oliva, 1 kg di strutto, 600 g di acqua, 272 g di soda caustica essenza profumata per sapone.
Scaldare i grassi e gli olii ad una temperatura di 45° costante (aiutarsi utilizzando un termometro per alimenti a immersione).

In un contenitore versare la soda in acqua: durante questo processo l’acqua aumenterà di temperatura, raggiungerà i 90° e poi la temperatura inizierà a scendere lentamente.

Attendere che la soluzione caustica sia tra 45 e 50 gradi e poi versare gli olii miscelandoli con l’aiuto di un frullatore a immersione, e man mano il composto assumerà una consistenza cremosa.

A questo punto aggiungere l’olio essenziale scelto e versare il composto ancora morbido nello stampo in legno o in silicone.

Ricoprire il sapone con la pellicola trasparente e un panno per circa 24 ore, tempo necessario per solidificarsi.

Estrarre il sapone dagli stampi e ritagliarlo in pezzi (usare sempre dei guanti quando si fa questo).