Riciclo della plastica: perchè è cosi importante ?

0
8381

La plastica è un materiale che appartiene alla vita quotidiana: viene utilizzata in gran parte degli imballaggi, dai sacchetti per lo shopping alle bottiglie per l’acqua minerale, ma anche per molti oggetti di uso comune. Questa situazione ha reso necessario lo studio di specifiche procedure per il riciclo della plastica, utili a recuperare un materiale praticamente indistruttibile, evitando di disperderlo nell’ambiente e reimmettendolo in commercio sotto forme diverse. L’attività di riciclo della plastica viene svolta prevalentemente con metodi sostenibili, al fine di garantire la tutela dell’ambiente, e di contribuire ad evitare gli sprechi, valorizzando gli scarti fino al completo riutilizzo.

Oltre ai procedimenti industriali, esiste anche un riciclo creativo della plastica, che può dare vita a risultati sorprendenti: un esempio particolare è l’utilizzo delle bottiglie di plastica trasparente, incolori o colorate, per creare portafiori, lampade, mosaici e altri oggetti decorativi: idee utili e divertenti, adatte anche ad educare i più piccoli ad uno stile di vita ecosostenibile. Generalmente, la plastica viene suddivisa già a livello individuale, attraverso il metodo della raccolta differenziata, per poi essere raccolta, stoccata e destinata ai vari processi di lavorazione.

riciclo-plastica-bottiglie

I metodi per riciclare bottiglie di plastica e contenitori in polietilene

La raccolta differenziata che avviene in tutte le città è la prima fase del sistema per riciclare le bottiglie in plastica e i contenitori in polietilene, che costituiscono uno dei materiali più diffusi. Negli impianti adibiti al riciclo della plastica, bottiglie e contenitori vengono separati in base alle dimensioni, alla composizione, alla densità e alla colorazione, dopo l’eliminazione di altri materiali non idonei alla procedura. A questo punto, il polietilene viene diviso e compattato in tre tipologie: trasparente e leggermente colorato, ad alta densità come i flaconi di saponi e detersivi, e a bassa densità come le buste di plastica per la spesa.

I sistemi per riciclare le bottiglie in plastica si sono evoluti nel corso del tempo fino a dare origine a prodotti innovativi, dalle elevate performance di resistenza e di grande vantaggio verso l’ambiente naturale. Negli ultimi 30 anni, la raccolta differenziata e il riciclo hanno raggiunto livelli elevati, grazie alla progettazione e alla creazione di una vasta gamma di prodotti destinati a diversi settori, dall’elettronica, all’abbigliamento, all’oggettistica.

riciclo-plastica-tappi

Riciclo tappi di plastica in polietilene ad alta densità

Il polietilene ad alta densità, cioè il materiale plastico non trasparente che costituisce i tappi delle bottiglie e altri prodotti di utilizzo comune, viene riciclato seguendo metodologie molto diverse da quelle che riguardano il trattamento delle bottiglie in polietilene trasparente. Considerando che, proprio a causa della diversa composizione, il riciclo dei tappi di plastica non fa parte nelle procedure di smaltimento dei rifiuti urbani, da molti anni circolano voci relative a raccolte di tappi in plastica per finalità sociali e di beneficenza. Voci che, peraltro, sono in parte reali, in quanto l’idea proviene da alcune associazioni estere, che con questo sistema hanno ottenuto ottimi risultati.

Attualmente, al di là delle voci più o meno attendibili che si sono diffuse in tutta Italia, la raccolta e il riciclo dei tappi di plastica è reale e, quando coinvolge un ampio numero di persone, può avere ottimi riscontri, considerando che questo tipo di plastica rende circa 150 euro a tonnellata. Tuttavia, chi non fosse in grado di arrivare a quantitativi così alti, può orientarsi verso la creatività, utilizzando i tappi singolarmente per realizzare oggetti decorativi, segnaposto, ciondoli ecologici, magneti, o installazioni da applicare su pareti, mobili e porte.


Loading...