Riscaldamento a pavimento: perché conviene

-
28/11/2022

Il riscaldamento a pavimento consente di usufruire di notevoli vantaggi dal punto di vista di risparmio energetico ma i costi iniziali di installazione potrebbero scoraggiare i più ad usufruire di questo sistema. Vediamo insieme i vantaggi e gli svantaggi.

white-tiles-textures-background

Molti cittadini e cittadine italiane possiedono un sistema di riscaldamento a pavimento all’interno delle proprie abitazioni.

Si tratta di un metodo utilizzato fin dai tempi antichi degli egiziani e dei romani ed è tornato in auge a partire dagli anni Cinquanta. Si tratta di un sistema che nel corso del tempo è stato migliorato e potenziato, che permette di risparmiare ma la cui installazione è piuttosto costosa.

Vediamo insieme quali sono i pro e i contro del pavimento riscaldato.

I vari tipi di riscaldamento a pavimento

empty-room-gray-wall-room-with-wooden-floor

Esistono due tipi di riscaldamento a pavimento, ad acqua ed elettrico. Entrambi hanno una struttura molto simile, in quanto prevedono l’installazione di un sistema di tubazione o di resistenze elettriche sotto il pavimento che viene appoggiato a dei pannelli isolanti. Quest’ultimi trasmettono il calore in modo omogeneo in tutta la casa a partire dal pavimento fino al soffitto, sfruttando il sistema dell’irraggiamento. Nei sistemi ad acqua, questa viene riscaldata da una caldaia o pompa di calore o anche impianti fotovoltaici.


Leggi anche: Riscaldamento a pavimento: pro e contro

I vantaggi e gli svantaggi

wooden-brick-floor-wall-structure-textured-white-concept

Il riscaldamento a pavimento permette innanzitutto di ottenere un notevole risparmio energetico, intorno al 25-35 per cento, e di conseguenza comporta dei benefici per l’ambiente poiché per un corretto funzionamento è sufficiente portare la temperatura a 30-40 gradi.

I principali svantaggi di questo sistema sono i costi dell’installazione che possono arrivare fino al 50 per cento in più rispetto agli impianti tradizionali. Tuttavia, è possibile usufruire di alcuni bonus e sgravi per l’installazione dei nuovi impianti, anche se l’investimento iniziale è piuttosto costoso.

Inoltre, la manutenzione può aggiungere costi ingenti, infatti se si presentano danni ai tubi potrebbe essere necessario rimuovere una parte del pavimento e per installarlo una seconda volta potrebbe essere necessario alzare il pavimento di 4-5 cm.