Robot in grado di mangiare le microplastiche: di cosa si tratta

-
18/11/2022

Una studentessa è riuscita a progettare e rendere operativo un robot a forma di pesce in grado di mangiare le microplastiche presenti nelle acque dei fiumi e dei laghi. Vediamo insieme come funziona.

climate-change-concept-collage

Una studentessa dell’Università del Surrey, in Regno Unito, ha vinto il concorso Natural Robotics Contest realizzato dall’istituzione con il suo robot a forma di pesce in grado di “mangiare” le microplastiche che inquinano le acque di fiumi e mari.

La studentessa ha superato gli altri 100 progetti che hanno preso parte al contest realizzati da studenti e studentesse provenienti da tutto il mondo, dal robo-orso per la protezione delle foreste al robo-granchio per l’esplorazione spaziale fino al robo-riccio di mare per l’osservazione della vita negli oceani.

Robo-pesce che mangia le microplastiche: come funziona

save-ocean-campaign-face-mask-sinking-ocean-remix-media

Il robo-pesce vincitore del contest è stato soprannominato Gilbert. Il prototipo è già operativo e perfettamente funzionante nei laghi del Regno Unito per ripulire le acque dalle microplastiche.

L’ideatore del concorso Natural Robotics Contest, il professor Robert Siddal, ha dichiarato:

Non sappiamo dove finisca la stragrande maggioranza della plastica scaricata nei nostri corsi d’acqua. Ci auguriamo che questo pesce robot e i suoi futuri discendenti siano i primi passi nella giusta direzione per aiutarci a trovare e gestire la plastica responsabile dell’inquinamento delle acque.

La vincitrice del concorso si chiama Eleanor Mackintosh e studia chimica all’Università del Surrey. Il suo robo-pesce ha le dimensioni e la conformazione di un salmone: è costituito da un’unità principale più grande attraverso la quale filtra l’acqua mentre “nuota” e da una coda a tenuta stagna dove raccoglie e trattiene le microplastiche. Inoltre, è in grado di illuminarsi al buio.

Purtroppo, le dimensioni contenute e la bassa potenza del robot non consentono al robot di essere utilizzato in mare aperto, dove le correnti sono più intense. Tuttavia, in futuro, miglioramenti al design e alla struttura potrebbero consentire alla tecnologia di lavorare anche nelle acque oceaniche.

Inoltre, il progetto è disponibile gratuitamente online, sul sito web del concorso. Ciò significa che chiunque può produrre da sé un pesce mangia-plastica e contribuire così alla pulizia delle acque. È sufficiente avere una stampante 3D.