Russia: boom di emissioni di metano

-
21/03/2021

In Russia nel 2020 le emissioni di metano sono aumentate del 40%. Rispetto all’anno precedente si tratta di una crescita veramente esagerata, e secondo gli esperti sarebbe in parte dovuta alla pandemia. Il metano è un gas climalterante molto pericoloso per l’ambiente a causa del suo effetto serra.

winter-681175_1920


La Russia già da tempo primeggiava tra gli altri stati in termini di emissioni di metano. Ebbene, anche quest’anno si conferma il paese con il maggiore problema a contenere questo tipo di emissioni. Infatti, nell’ultimo anno le emissioni di metano da parte della Russia sono aumentate del 40%, dato veramente preoccupante.

Russia: Emissioni di Metano +40%

Per ottenere questi dati si è fatto riferimento a due satelliti (Sentinel-5P e Sentinel-2). I due gasdotti principali di emissioni sono lo Yamal Europe, lungo più di 4000 km che attraversa Bielorussia, Polonia e Germania, e il Bratstvo, lungo 2750 km che incrocia Ucraina e Slovacchia. Nella prima infrastruttura sono stati contati 13 eventi di perdite ingenti, nella seconda 33. Queste perdite hanno avuto picchi di anche 300 tonnellate all’ora.


Leggi anche: Effetto Serra: cos’è, quali sono le cause e come limitarlo

Le cause inquinamento in Russia

electric-power-958753_1920

Sembra che tra le cause principali di questi eventi ci sia la pandemia. Infatti, queste strutture necessitano di manutenzione costante e le misure di contenimento del Covid-19 hanno rallentato le procedure. Secondo l’Iea (International Energy Agency) solo il 40% di queste perdite dipende dalla produzione. Infatti, in 6 casi su 10 queste perdite avvengono durante le fasi di trasporto.

I volumi di metano rilasciato in atmosfera nel 2020 da questo settore equivale, in termini di potere climalterante, a quello di tutta l’anidride carbonica emessa da tutto il comparto energetico in un anno. Il metano infatti è un gas climalterante 84 volte peggiore alla CO2 nei primi venti anni di persistenza in atmosfera.

E anche quest’anno la Russia si rivela il paese peggiore in questi termini. Nel 2020 sono state 14 milioni le tonnellate di metano emesse dalla Russia (il 20% delle emissioni globali di metano).