Scirocco: caratteristiche e conseguenze

-
06/06/2021

Lo Scirocco è un vento caldo e umido proveniente da Sud-Est, che in molte regioni d’Italia si fa sentire con tutta la sua forza e in alcuni casi provoca anche delle conseguenze non proprio piacevoli. Questo vento infatti, appartenente ai Venti periodici del Mediterraneo ed illustrato anche all’interno della Rosa dei Venti, ha delle caratteristiche peculiari. Scopriamole insieme.

buildings-5988735_1920

Lo scirocco è uno dei venti periodici del Mediterraneo. Quando soffia con tutta la sua potenza rischia di diventare anche pericoloso. Se a Venezia è il maggior responsabile del fenomeno dell’acqua alta, nelle regioni del Sud Italia rischia di alimentare incendi anche disastrosi.

Scirocco: vento che proviene dalla Siria

Lo Scirocco, come abbiamo detto, è un vento che proviene da Sud-Est. E’ stato chiamato così perché prendendo come punto di riferimento la Rosa dei Venti è proprio da questo Stato che arriva in Grecia. Come abbiamo già visto quando abbiamo parlato del vento Grecale, infatti, la Rosa dei Venti ha come punto di riferimento centrale l’isola di Zante. Lo scirocco è quindi un vento che, se osservato da qui, proviene proprio dalla Siria. 


Leggi anche: La Rosa dei Venti: quali soffiano in Italia

Caratteristiche del vento Scirocco

Lo Scirocco è originato da masse d’aria calda tropicali che vengono portate verso nord per via delle aree di bassa pressione che si formano sopra al Mar Mediterraneo. Le masse di aria calda si mescolano quindi con quelle umide generate sopra al mare e si spingono verso il sud Europa.

Lo scirocco è un vento che soffia generalmente in primavera e in autunno, specialmente nei mesi di marzo e novembre. Di solito questo vento soffia per tre giorni consecutivi e non è raro che porti con sé anche i residui delle tempeste di sabbia africane. Questo vento è molto potente. Non si tratta di una leggera brezza ma di correnti che possono provocare anche fenomeni piuttosto intensi perché oltre alla sua forza è caldissimo.

Scirocco vento che alimenta il rischio di incendi

Lo Scirocco è particolarmente temuto nelle regioni del Sud Italia, dove il rischio di siccità è spesso molto elevato. Questo vento infatti risulta molto pericoloso proprio perché in grado di alimentare incendi. Le masse d’aria calda infatti, in presenza di un rogo o di un incendio, non fanno altro che favorire la propagazione delle fiamme. Non è raro che nel Sud Italia alcune zone vengano dichiarate a rischio proprio per l’arrivo di questo vento proveniente da sud.

Lo Scirocco ed i suoi effetti su corpo e mente

Lo Scirocco era conosciuto sin dai tempi antichi come un vento portatore di malessere e malattie ed effettivamente non si può dire che non sia così. Questo vento infatti, essendo molto forte, si elettrizza per effetto dello strofinio. Questo eccesso di cariche elettriche nell’aria viene avvertito anche dall’uomo.

Gli effetti sono sia psichici (confusione, difficoltà di concentrazione, apatia) sia fisici (mal di testa, insonnia, ansia, ipotensione, malessere generale). Naturalmente, i soggetti più debilitati dall’arrivo dello Scirocco sono coloro che soffrono di disturbi neuro-vegetativi.

Lo Scirocco e l’acqua alta a Venezia

venice-115975_1920

Lo Scirocco è anche il vento responsabile del famoso fenomeno dell’acqua alta a Venezia, che infatti si verifica più frequentemente in autunno o in primavera. Questo vento, proveniente da Sud, raggiunge la laguna con una grande intensità e soffia con una tale potenza da favorire le mareggiate. Questo accade quasi sempre: quando si verifica l’acqua alta a Venezia, potete stare certi che sta soffiando il vento di Scirocco.