Scontrini ecologici: quando la spesa è verde

-
06/06/2017

In Italia solo da poco si parla di quanto sia nocivo il bisfenolo A. Di solito l’abbiamo sentito nominare per la sua presenza nei contenitori di plastica e quelli per alimenti, ma pochi sanno che la sostanza nociva è presente anche nella carta termica degli scontrini. Produrre carta per scontrini ecologici mantenendo alta la qualità e convenienza, rispettando l’ambiente e il pianeta è possibile. Ecco la dimostrazione.


Ebbene sì, lo scontrino, quel piccolo fazzolettino di carta, ignorato e sconosciuto, è altamente nocivo, specialmente per gli operatori di cassa che lavorano in negozi e supermercati. Anche se, apparentemente, sembra impossibile possa costituire un impatto ambientale, lo è diventato a fronte dell’innumerevole quantità di scontrini emessi.

Il pericolo è soprattutto per chi stacca lo scontrino appena emesso, tiepido e stampato dall’apposito apparecchio e per chi lo riceve fresco e nuovo. In alcuni paesi europei, le autorità sanitarie si sono già mosse per risolvere il problema e si sono iniziati ad utilizzare per gli scontrini reagenti biologici. Anche in Italia qualcosa è cambiato. Qualche produttore ha iniziato a proporre carta termica più o meno green, senza BPA,  che utilizzano come reagenti derivati biologici naturali. Scopriamo subito come funziona esattamente.


Leggi anche: Detersivi alla spina ecologici: opinioni, dove trovarli, prezzi e vantaggi

Cosa sono e come si producono i rotoli di carta termica per gli scontrini ecologici

Per capire che cosa vuol dire produrre scontrini ecologici, abbiamo chiesto ad uno dei maggiori produttori internazionali di rotoli di carta termicaErrebi – Rotolificio Bergamasco. Per produrre rotoli di carta per scontrini green, questa azienda agisce su più fronti. Un esempio di come si può lavorare bene, fornendo prodotti di qualità, in maniera ecosostenibile.

Nello specifico essa è intervenuta per:

  • Produrre scontrini con materiali 100% compatibili, un’alternativa intelligente e responsabile ai tradizionali scontrini che sappiamo essere molto nocivi. Questa carta termica è atossica e sicura perché priva di fenolo. Essa viene prodotta e distribuita nel rispetto dell’ambiente in tutte le sue fasi produttive.
  • Produrre scontrini di qualità che durino a lungo, per evitare vi sia la necessità di fotocopiarli e di sprecare ulteriormente carta. La Long Life della nuova carta termica è data da una particolare struttura chimica che la rende resistente agli agenti esterni. I rotoli per i registratori di cassa che vengono prodotti, hanno una grammatura inferiore rispetto ai vecchi scontrini. Questo riduce lo spreco di cellulosa, inchiostro, energia e costituisce una convenienza anche per il cliente. Tutto questo mantenendo l’alta qualità della carta.
  • Adottare politiche aziendali green: l’azienda aderisce allo sfruttamento responsabile delle foreste e utilizza metodi produttivi che rispettano l’ambiente. Nello specifico, la certificazione FSC (Forest Stewardship Council) è stata riconosciuta dall’organizzazione internazionale indipendente alla carta termica prodotta. Questo marchio è testimone ufficiale dell’utilizzo forestale responsabile effettuato dall’azienda in senso ambientale, sociale ed economico. Per la produzione sostenibile dei rotoli di carta termica, l’azienda opera in stabilimenti alimentati da fonti di energia rinnovabile. La stessa distribuzione e la logistica dei prodotti avviene secondo una logica green. In questo modo si riducono al minimo anche l’inquinamento dell’aria e le emissioni di anidride carbonica.