Siccità: come risparmiare? I consigli dell’ENEA

-
25/07/2022

L’ENEA ha diffuso alcuni consigli che possono rivelarsi molto utili per il risparmio idrico. Vediamone insieme alcuni.

water-wave-with-bubbles

L’emergenza idrica di questi mesi sta colpendo l’Italia intera, alcune regioni più di altre. Per questo motivo, l’ENEA ha deciso di divulgare alcuni consigli per risparmiare sul consumo dell’acqua.

Vediamo insieme alcuni dei punti stilati dall’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile per il risparmio idrico.

I consigli dell’ENEA per il risparmio idrico

water-splash-isolated-on-white-background

Innanzitutto, l’ENEA consiglia di verificare la presenza di perdite occulte nell’impianto idrico e di assicurarsi della sua efficienza. Inoltre, consiglia di chiudere bene il rubinetto per evitare che l’acqua scorra inutilmente e raccogliere l’acqua fredda non utilizzata quando si attende di ricevere quella calda, effettuando, per esempi, prima le operazioni che richiedono acqua fredda (ad esempio per lavarsi i denti) e poi quelle che richiedono acqua calda (ad esempio per farsi la barba).

Riutilizzare l’acqua di cottura della pasta o del lavaggio delle verdure per sciacquare i piatti prima di metterli in lavastoviglie o per annaffiare (quando non è salata) e utilizzare lavastoviglie e lavatrici sempre a pieno carico.

Preferire, quando possibile, rubinetti con sensori o con rompigetto aerato che riducono il flusso dell’acqua e hanno maggiore efficacia di lavaggio, avendo cura di mantenerli in efficienza, oltre che installare sciacquoni a doppio tasto per risparmiare, scegliere la doccia invece che la vasca da bagno e chiudere l’impianto centrale in caso di periodi prolungati di mancato utilizzo.

Installare sistemi di raccolta per l’acqua piovana per usi non potabili e per innaffiare, evitando di farlo nelle ore calde per ridurre l’evaporazione e utilizzare per l’irrigazione sistemi temporizzati, a goccia o in subirrigazione, in virtù della loro maggiore efficienza.

Recuperare l’acqua di condensa dei condizionatori o dell’asciugatrice, per usi domestici, come ad esempio per il ferro da stiro.

In giardino, attorno alle piante, effettuare un’adeguata pacciamatura in modo da mantenere il più possibile l’acqua nel terreno; inoltre preferire piante che necessitano di minori quantità di acqua e fare attenzione a non irrigare zone impermeabili.