Smart working, ricerca Enea: gli impatti positivi sull’ambiente

-
28/02/2023

Secondo una recente analisi dell’Enea, il lavoro a distanza è in grado di aver un impatto positivo sull’ambiente. Vediamo insieme cosa hanno evidenziato i risultati dello studio sui benefici ambientali dello smart working.

laptop-2838921_1920

Secondo un recente studio dell’Enea, pubblicato sulla rivista internazionale Applied Sciences, lo smart working ha un impatto positivo sull’ambiente.

La ricerca si è concentrata sull’impatto ambientale che il lavoro a distanza ha generato a Roma, Torino, Bologna e Trento nel quadriennio che va dal 2015 al 2018.

I benefici ambientali dello smart working

man-working-with-laptop-holding-coffee-cup

Lo studio condotto da Enea ha evidenziato che grazie allo smart working è possibile evitare l’emissione di circa 600 chilogrammi di CO2 annualmente per ciascun lavoratore (-40%).

Inoltre, sono stati registrati notevoli risparmi di tempo (circa 150 ore), distanza percorsa (3.500 km) e carburante (260 litri di benzina o 237 litri di gasolio). È sufficiente pensare che in Italia i trasporti sono responsabili di oltre il 25 % delle emissioni totali nazionali di gas a effetto serra.

Gli impatti sui trasporti

young-freelance-worker-drinking-coffee-while-working-laptop-home

Secondo le risposte di un campione di 1.269 lavoratori agili della pubblica amministrazione nelle 4 città prese in esame, che per spostarsi da casa al luogo di lavoro usufruiscono di mezzi privati a combustione interna, ogni giorno di lavoro in smart working consentirebbe di evitare 6 kg di emissioni dirette in atmosfera di anidride carbonica e risparmiare 85 megajoule (MJ) di carburante pro capite.

Ma non finisce qui. L’analisi ha sottolineato una diminuzione diossidi di azoto a persona al giorno (dai 14,8 g di Trento ai 7,9 g di Torino), monossido di carbonio (da 38,9 g di Roma a 18,7 g di Trento), PM10 (da 1,6 g di Roma a 0,9 g di Torino), PM2,5 (da 1,1 g di Roma e Trento a 0,6 g di Torino).

Infine, il 24,8% del campione ha dichiarato che per gli spostamenti extra-lavorativi nei giorni di smart working ha optato per modalità più sostenibili, come mezzi pubblici, a piedi o in bicicletta