Impianto Solare Termico: una mini-guida

-
17/04/2021

Un impianto solare termico permette di risparmiare notevolmente sui consumi e nel contempo si tratta di un sistema di riscaldamento dell’acqua ecologico. Si basa infatti sull’impiego di pannelli solari termici, che vengono installati generalmente sul tetto di un edificio e sono in grado di convertire la luce solare in energia utile per riscaldare l’acqua.


solar-2955323_1920

Se un tempo installare un impianto solare termico poteva risultare troppo oneroso, oggi chiunque può permettersi di scegliere questa opzione. Bisogna infatti ricordare che la spesa iniziale può essere ammortizzata nel giro di pochissimo, grazie al grande risparmio sui consumi in bolletta.

Impianto solare termico: tipologie

Esistono due principali tipologie di impianto solare termico e la scelta tra l’uno o l’altro sistema è fondamentale e deve essere fatta sulla base delle proprie effettive necessità. Per capirci, l’impianto a circolazione naturale risulta più semplice e meno costoso ma permette di ottenere acqua calda sufficiente per le necessità di una famiglia. L’impianto a circolazione forzata invece ha dei costi più elevati ma consente di ottenere maggiori quantità di acqua calda.


Leggi anche: Solare termodinamico: cos’è e funzionamento

Solare termico a circolazione naturale

solar-2666770_1920

Un impianto solare termico a circolazione naturale è l’ideale per riscaldare l’acqua necessaria ad una famiglia non numerosa. Il serbatoio viene installato sul tetto e c’è una maggiore dispersione di calore, ma le prestazioni sono comunque buone. Il costo di un impianto di questo tipo è di circa 2.700 euro (comprensivi di installazione). Si può ammortizzare in tempi brevi perché permette un risparmio in bolletta che può andare da un minimo del 55% ad un massimo del 70%. 

Solare termico a circolazione forzata

L’impianto solare termico a circolazione forzata è invece più complesso, ha costi maggiori ed un impatto estetico molto minore. Infatti, il serbatoio viene posto in una stanza della casa (che può essere ad esempio la cantina). Un impianto di questo tipo permette di riscaldare l’acqua necessaria a famiglie più numerose e può essere integrato con la caldaia già esistente. Ha costi maggiori (4.700 euro comprensivi di installazione) ma consente di ottenere un maggior risparmio in bolletta, che può arrivare fino all’80%.

Quale impianto scegliere?

La scelta dell’impianto deve essere fatta prima di tutto tenendo conto del numero dei componenti che ci sono in famiglia. Una famiglia numerosa non ha molte possibilità di scelta ed è praticamente obbligata ad installare un impianto a circolazione forzata. Al contrario, una famiglia di 4 persone potrebbe tranquillamente optare per l’impianto a circolazione naturale ma deve fare i conti con gli inconvenienti di questo sistema.