Sovescio: cos’è, come e quando farlo

-
21/01/2021

Il sovescio è una pratica agricola molto antica ed utilizzata che consiste nel sotterrare delle colture seminate appositamente dopo averle trinciate. Lo scopo è quello di arricchire il suolo di sostanza organica e migliorare la struttura del terreno. Si usa molto in agricoltura biologica.

green-manure-4536871-1920


Il sovescio è uno dei modi più efficaci e naturali di fornire al terreno sostanza organica e nutrimento. Pratica già nota ai tempi dei romani, consiste nella semina di specie (soprattutto leguminose) appositamente allo scopo di trinciarle e sotterrarle. Questo consente di migliorare il terreno in termini di struttura e apporto nutrizionale senza l’ausilio di sostanze chimiche. Vediamo come e quando eseguirlo e quali benefici comporta.

Sovescio: guida completa

L’efficacia di questa pratica è indiscussa. Molto apprezzata in agricoltura biologica, ma viene utilizzata anche da agricoltori professionisti che non ne seguono i principi. Si può applicare anche negli orti privati, inserendolo nel programma delle rotazioni.


Leggi anche: Agricoltura Biologica: più sana per l’uomo e per l’ambiente

I benefici del sovescio

Il sovescio genera molti benefici:

  • fonte di sostentamento per i microrganismi del terreno;
  • rende il terreno più soffice e lavorabile;
  • migliora le riserve idriche nel terreno;
  • aumenta l’apporto di azoto disponibile per le colture;
  • trattiene i nutrienti nel suolo;
  • mantiene coperto il terreno limitando i fenomeni di erosione;
  • rende il terreno più fertile e di conseguenza più virtuoso;
  • aiuta nella lotta contro le erbe infestanti.

Come e quando effettuare il sovescio

winter-oilseed-rape-767421-1920

Questa pratica agricola viene effettuata in autunno, o alla fine dell’inverno o all’inizio della primavera. La coltivazione di specie da sovescio impedisce al terreno di rimanere nudo, e l’interramento delle piante avviene quando sono ormai praticamente appassite. Queste piante, decomponendosi, rilasciano lentamente sostanza organica che si trasforma in humus migliorando le caratteristiche strutturali e nutrizionali del terreno.

Quali colture utilizzare?

Le piante più adatte per questa pratica devono soddisfare dei requisiti, tra cui la rapida crescita e la non competizione idrica con le altre colture. Le categorie vegetali più comuni per effettuare il sovescio sono le seguenti:

  • Leguminose: questa tipologia di piante consente di apportare azoto grazie ai batteri azotofissatori. I trifogli sono le specie più apprezzate, ma si possono utilizzare anche veccia, fava, lupinella o pisello proteico;
  • Crucifere: in pratica la famiglia dei cavoli! Di questa famiglia sono particolarmente adatte al sovescio la senape bianca e il colza;
  • Graminacee: assorbono l’azoto e lo proteggono dall’eventuale dilavamento nel terreno. Le specie più adatte sono orzo, segale o avena. In questo caso non si aspetta che la pianta arrivi a maturazione ma si effettuano trinciatura e interramento quando sono ancora verdi.


Potrebbe interessarti: La lotta biologica in agricoltura