Tyrrehnian Link: il nuovo elettrodotto tra Sardegna e Sicilia

-
10/10/2022

È stato approvato il primo tratto del Tyrrhenian Link, il nuovo elettrodotto che collegherà Sardegna e Sicilia alla penisola. Andiamo a scoprire quali sono i dettagli.

Adriatic Link, l'elettrodotto sottomarino tra Abruzzo e Marche

L’impianto sarà lungo 950 chilometri e fornirà 1000 MW di potenza, migliorando la capacità di scambio elettrico e favorendo quindi lo sviluppo delle rinnovabili.

Tyrrhenian Link: il progetto per la Transizione ecologica

Transizione, Ecologica

Il ministero della Transizione ecologica ha approvato il progetto definitivo del primo dei due tratti del Tyrrhenian Link, quello Est, che quindi verrà costruito nei prossimi anni per essere operativo già nel 2025.

Come spiega Terna, l’operatore titolare del progetto, è un doppio cavo sottomarino che collegherà la Sicilia con la Sardegna e la penisola italiana. Sul sito di Terna si legge:

“Con 950 chilometri di lunghezza e 1000 MW di potenza, si tratta di un’opera infrastrutturale di importanza internazionale, un altro passo in avanti verso un futuro energetico più sostenibile. Il Tyrrhenian Linkmigliorerà la capacità di scambio elettrico, favorirà lo sviluppo delle fonti rinnovabili e l’affidabilità della rete”.

Il progetto prevede due tratte: Est e Ovest. La prima, quella appena autorizzata, collegherà la Sicilia all’Italia continentale, in particolare il comune di Termini Imerese (Palermo) con l’approdo di Torre Tuscia Magazzeno, a Battipaglia (Salerno). La tratta Est è lunga 480 chilometri, mentre la Ovest (che collega la Sicilia alla Sardegna) è 470 chilometri. L’elettrodotto in corrente continua sarà pronto nel 2028 e costerà in tutto 3,7 miliardi di euro.

Tyrrhenian Link: i vantaggi per il futuro

Transizione, Ecologica
Autore: ColiN00B / Pixabay

Anche dal MiTe hanno sottolineato l’importanza di quest’opera:

“La nuova infrastruttura è un’opera strategica per il sistema elettrico italiano nell’ambito degli obiettivi di transizione energetici fissati dal Piano nazionale integrato per l’Energia e il Clima. Infatti, consentirà non solo il miglioramento della capacità di scambio elettrico tra Campania, Sicilia e Sardegna, ma anche un più efficace utilizzo dei flussi di energia proveniente da fonti rinnovabili, che sono in costante aumento. Inoltre, avrà un ruolo decisivo nel miglioramento dell’affidabilità della rete e dell’intero sistema elettrico”.