Ulivo: l’albero millenario che si può coltivare anche in vaso

-
22/08/2020

Ulivo: l’albero millenario che si può coltivare anche in vaso

L’ulivo è un albero da frutto originario della Siria e dell’Asia Minore ma ormai coltivato ampiamente anche in Italia, soprattutto nelle regioni del sud dove il clima è particolarmente favorevole per la crescita di questa pianta. Non tutti sanno però che l’ulivo si può coltivare anche in vaso, a patto che questo abbia dimensioni sufficienti per consentirne uno sviluppo ottimale. Scopriamo dunque qualcosa in più su questo straordinario albero millenario e sulle tecniche di coltivazione ideali per farlo crescere sano e rigoglioso.


Ulivo: aspetto e caratteristiche

L’ulivo (Olea europaea) è un albero da frutto sempreverde, caratterizzato da un’attività vegetativa pressochè continua sebbene subisca una leggera attenuazione nel periodo invernale. Parliamo di un arbusto davvero speciale, perchè molto longevo al punto che anche nel nostro Paese esistono esemplari millenari. La sua crescita tuttavia è piuttosto lenta, dunque se lo si intende coltivare in giardino o in vaso bisogna acquistare un albero già formato in modo da poterne raccogliere i frutti.

Per quanto riguarda l’aspetto, l’ulivo si riconosce immediatamente per via del fusto che è spesso contorto e ricoperto da una corteccia di colore grigio scuro. La chioma ha invece una forma conica ed i rami possono essere patenti o penduli a seconda della varietà.

Le foglie dell’olivo sono piccole e piuttosto allungate, dalla superficie liscia, mentre i fiorellini hanno un colore bianco. Gli ulivi producono olive che a seconda della varietà possono avere qualità e sapori differenti.

Come coltivare l’ulivo in giardino o in vaso

Come abbiamo accennato, l’ulivo si può coltivare in Italia con un certo successo a patto che il clima sia adeguato allo sviluppo di questa pianta, che come vedremo tra poco ha delle necessità specifiche. La coltivazione in vaso non differisce da quella in terra piena, se non per lo sviluppo della pianta che naturalmente raggiunge dimensioni più contenute.

Esposizione e clima

L’ulivo è un albero che teme l’umidità e predilige climi aridi e secchi. Non a caso in Italia viene coltivato con maggior successo nelle regioni del sud Italia, dove le temperature sono più elevate e le piogge molto meno frequenti.

Irrigazione della pianta in terra piena e in vaso

Per quanto riguarda l’irrigazione, l’ulivo ha esigenze differenti a seconda che venga coltivato in terra piena oppure in vaso. Nel primo caso non è necessario preoccuparsi dell’annaffiatura, perchè le piogge sono più che sufficienti per garantire il giusto grado di idratazione alla pianta, che come abbiamo detto preferisce i climi aridi e dunque non necessita di grandi quantitativi di acqua.

Se però la si coltiva in vaso, bisogna preoccuparsi di annaffiare la pianta 2-3 volte alla settimana in estate e in primavera mentre in inverno è sufficiente un’irrigazione al mese.

Le malattie dell’ulivo

Purtroppo l’olivo è un albero esposto ad un parassita in particolare, la cosiddetta mosca dell’olivo che crea danni enormi sia alla pianta che ai suoi frutti. Fortunatamente, esistono diversi rimedi efficaci per contrastare questo parassita e non è necessario ricorrere a sostanze chimice e pesticivi dannosi. La lotta biologica si è dimostrata efficace infatti contro la mosca dell’olivo, che si riesce ad eliminare oggi con maggior facilità.