Vitamina D: a cosa serve e dove trovarla negli alimenti

-
21/02/2021

Negli ultimi tempi si sta parlando molto dei danni relativi alla carenza di vitamina D. Questa vitamina viene prodotta dal nostro corpo quando esposto al sole, ma se ne può incrementare l’assunzione con l’alimentazione. Vediamo insieme a cosa serve la vitamina D e dove trovarla.

tree-276014-1920


La vitamina D è molto importante per la nostra salute. Partecipa all’assimilazione di calcio e fosforo, ricoprendo così un ruolo fondamentale nel mantenere in salute il nostro apparato scheletrico. In più promuove il corretto funzionamento dei muscoli e del sistema immunitario. Questa vitamina è talmente importante che secondo alcuni studi avrebbe determinato alcuni caratteri dell’evoluzione dell’uomo, dalla carnagione chiara fino alla capacità di digerire o meno il lattosio.

Vitamina D: perché è importante e come assumerla

Una parte della vitamina D necessaria per il corretto funzionamento del nostro organismo viene sintetizzata a partire dai raggi del sole. Esponendosi al sole con viso e braccia almeno un’ora al giorno dovremmo ottenere il giusto quantitativo di questa vitamina. La nostra carnagione sarebbe infatti più chiara proprio per consentire ciò anche a latitudini in cui l’irradiazione solare è meno intensa.


Leggi anche: Pannelli fotovoltaici: tutto quello che c’è da sapere

La vitamina D può essere assunta anche attraverso l’alimentazione. In particolare, la vitamina D2 è presente in alcuni vegetali, mentre la vitamina D3 si trova nei prodotti animali. Tuttavia, non sono molti i cibi che permettono di assumere questo importante nutriente, e di questi ci sono principalmente prodotti animali. Infatti, l’uomo si sarebbe evoluto in modo da essere in grado di digerire il lattosio proprio per aver modo di assumere questa vitamina attraverso il latte e i suoi derivati.

Fonti alimentari di vitamina D

mushrooms-2690529-1920

Il pesce è senza dubbio l’alimento più ricco di vitamina D, soprattutto salmone e pesce spada. Anche sgombro, aringhe e sardine contengono buone quantità di questa preziosa vitamina. L’olio di fegato di merluzzo presenta una concentrazione molto elevata di vitamina D, e essendo una sostanza grassa ne favorisce anche l’assorbimento.

Tra i derivati animali, le uova sono un’altra fonte di vitamina D, concentrata soprattutto nel tuorlo. Anche il latte e di conseguenza i latticini: soprattutto lo yogurt intero, meglio ancora se arricchito, è un ottimo alleato per la salute delle ossa.

Tra le fonti vegetali di vitamina D abbiamo funghi, cacao e cioccolato, verdura a foglia larga (bietole, cicorie, cavolo nero).