Pulci gatto: sono un pericolo per l’uomo? Scopriamo come riconoscerle

0
919
Pulci-gatto

Le pulci sono parassiti che possono creare un bel po’ di problemi, specialmente al nostro amico a quattro zampe. Abbiamo già parlato delle pulci del cane, ma come probabilmente sapete bene questi antipatici insetti possono attaccare anche il gatto, creandogli un prurito molto intenso e provocando in alcuni casi anche delle reazioni allergiche. Quando si parla di pulci gatto bisogna prestare attenzione: la presenza di questi parassiti non deve mai essere sottovalutata perchè a lungo andare potrebbe causare malattie come l’anemia o indebolire il sistema immunitario. Quando hanno le pulci, i gatti tendono a grattarsi di frequente e presentano anche delle piaghe sulla pelle: riconoscerle quindi non è impossibile, ma bisogna stare attenti a non scambiarle per pidocchi o zecche. 

Debellare questi parassiti è fondamentale: oltre che creare problemi al nostro gatto possono infatti costituire un pericolo anche per l’uomo.

Pulci gatto: che aspetto hanno e come riconoscerle

Pulci-gattoLe pulci del gatto sono molto simili se non identiche a quelle del cane: la loro grandezza non supera i 2 millimetri quindi riuscire ad individuarle non è sempre facilissimo. Potrebbe essere molto utile usare una lente d’ingrandimento: in questo modo si riescono a vedere più chiaramente gli insetti. Le pulci hanno un colore che va dal rosso scuro al marrone. Per capire se si tratta davvero di questi parassiti, dovete innanzitutto ispezionare la pelle tra un pelo e l’altro: spesso le pulci gatto sono visibili direttamente in queste zone ma non sempre.

Se spazzolando il pelo del gatto rimangono nel pettine dei piccoli puntini di colore scuro, molto probabilmente sono presenti anche le pulci. Si tratta infatti dei loro escrementi, che spesso si possono trovare anche sui cuscini o nella lettiera del gatto.

Pulci gatto: i sintomi. Come capire se il gatto ha le pulci

Oltre all’osservazione diretta, è possibile capire se il gatto ha le pulci in altri modi. Bisogna infatti ricordare che non sempre questi parassiti sono attivi, quindi potrebbe anche capitare di ispezionare il pelo e non trovare alcun segno sospetto. Nel dubbio, quindi, conviene sempre osservare anche il comportamento del gatto: da alcuni suoi atteggiamenti possiamo facilmente capire se abbia le pulci o meno.

Un gatto con le pulci presenta uno o tutti i seguenti sintomi:

  • Prurito molto intenso e frequente;
  • Pustole e piccole punture sulla pelle, con alone arrossato;
  • Presenza dei parassiti (visibili ad occhio nudo) sul pelo del gatto;
  • Presenza di piccoli granuli neri sul pelo (sono le feci delle pulci).

Pulci gatto: sono un pericolo per l’uomo?

Le pulci del gatto costituiscono un pericolo anche per l’uomo: se infatti vengono trasmesse anche a noi possono provocare gli stessi sintomi del gatto e quindi prurito e punture arrossate. Oltre a questo, però, dobbiamo sempre ricordare che le pulci sono spesso vettori di patologie anche molto serie e pericolose tra cui il tifo murino, la tularemia e la tenia (o verme solitario). E’ quindi fondamentale effettuare un trattamento in caso di contagio e rivolgersi tempestivamente al veterinario per debellare le pulci dall’animale il prima possibile.

Ti potrebbe interessare anche…