Concimare l’orto: come farlo in maniera ecologica

-
12/08/2022

Per migliorare il terreno e rafforzare le piante così da avere un buon raccolto, si usa concimarlo. Per farlo in modo ecologico, si possono utilizzare dei concimi autoprodotti: letame di animali che si hanno in campagna, ad esempio, oppure vicini, in una stalla o in un maneggio. Insieme ad una buona irrigazione orto si possono ottenere dei risultati veramente interessanti. Andiamo a scoprire come concimare in maniera ecologica.

Compost

Oltre queste tecniche si possono utilizzare gli sfalci del prato o la cenere di legna non trattata.

Concimare in maniera ecologica: cosa utilizzare?

Compost


Leggi anche: Compost: cos’è e come farlo in casa

Altri concimi provengono dalle deiezioni di animali come il letame, la pollina, il guano, lo stallatico pellettato e l’humus di lombrico, la farina di sangue e la farina di ossa provengono dagli animali.

Quelli di natura vegetale sono i lupini macinati, la cenere di legna, i fondi di caffè, il cippato, la sansa.

Sicuramente, però, si può creare il concime anche con il compost, a partire dai rifiuti organici che si producono in casa che diventeranno così una risorsa molto importante per l’orto.

Ciò che servirà è una compostiera e seguire le regole e la tempistica necessaria che porta alla maturazione del compost.

Concimare in maniera ecologica: come riciclare gli scarti domestici

Compost

Esiste un ottimo sistema per ridurre i rifiuti domestici e trasformarli in ingredienti ottimi per il compost.

Si potrebbero utilizzare diversi prodotti di scarto come:
-I Gusci di uova che, se conservati e tritati, diventano una sostanza preziosa per migliorare la fertilità delle piante; inoltre i gusci tengono anche lontane le lumache dalle piante.

-I Fondi di caffè che contengono antiossidanti preziosi per il terreno. I fondi vanno conservati in luogo asciutto in un contenitore adatto oppure si possono lasciare a mollo nell’acqua per ottenere un concime liquido.

Si potrebbe creare un infuso con la buccia di banana: questa deve essere lasciata a macerare per circa 20 giorni.

Con il lievito di birra si può preparare un infuso naturale che consiste nel disciogliere tre cucchiai di lievito di birra in dieci litri d’acqua, preferibilmente tiepida, per poi innaffiare le piante.